Pubblicità no adsense

Cerca nel sito

Aborto: il metodo farmacologico, la pillola abortiva RU486

Metodo farmacologico per l'interruzione precoce di gravidanza (come funziona in Svizzera). Mifegyne (RU 486) Metodo farmacologico per l'interruzione precoce di gravidanza.

pillola abortiva Ru486

Qui ci sono gli ospedali italiani dove è possibile eseguire l'interruzione di gravidanza con la ru486

L'Unione svizzera per decriminalizzare l'aborto (USPDA) cosi' spiega il funzionamento della pillola abortiva RU486 rispetto al piu' tradizionale metodo dell'aspirazione. Dal 22 ottobre 1999 la Mifegyne e' autorizzata in Svizzera. Poco a poco la pillola abortiva diventa accessibile negli ospedali e presso certi studi medici.

Come procedere

IMPORTANTE: se non e' sicura se e' rimasta incinta, faccia rapidamente un test di gravidanza. Se il test e' positivo e ha l'intenzione di interrompere la gravidanza, si rivolga immediatamente ad un medico oppure ad un centro di pianificazione familiare.

Prima di poter interrompere una gravidanza, occorre ottenere, conformemente all'articolo 120 del Codice penale svizzero, il consenso di un secondo medico.

Se ha deciso di interrompere la gravidanza ed ha ottenuto il consenso del secondo medico, puo' decidere a quale metodo ricorrere.

I due metodi per effettuare l'interruzione della gravidanza:

Metodo chirurgico (per aspirazione)
L'aspirazione puo' generalmente essere effettuata entro le 14 settimane a partire dal primo giorno dell'ultima mestruazione.

L'intervento viene eseguito in ospedale o presso uno studio medico, sia come ambulante (dopo poche ore si puo' tornare a casa) sia come degente (restando anche di notte).

A volte, per facilitare l'intervento, il collo dell'utero viene rilassato con un farmaco (prostaglandina), da prendersi o il giorno precedente o il giorno stesso dell'intervento. L'intervento operatorio avviene sotto narcosi (anestesia generale) oppure sotto anestesia locale.

Il collo dell'utero viene dilatato cautamente con dilatatori metallici fino ad un diametro da 6 a 12 mm. Viene in seguito inserita una fine canula per l'aspirazione che rimuove i tessuti embrionali dalla cavita' uterina. L'operazione dura circa 20 minuti.

Il rientro a domicilio avviene tra le 2 a 8 ore seguenti l'intervento oppure il giorno dopo (cio' dipende dal luogo dove e' stato effettuato l'intervento). Generalmente, una visita di controllo viene effettuata nelle due settimane seguenti l'intervento.

Metodo farmacologico (Mifegyne con prostaglandina)
In Svizzera, questo metodo puo' essere prescritto entro la 7a settimana a partire dal primo giorno dell'ultima mestruazione.

L'interruzione viene effettuata ambulatoriamente, sia in clinica sia in uno studio medico (in Italia solo in ospedale), con due farmaci: la Mifegyne (conosciuta anche con il nome di RU 486) e una prostaglandina.

La Mifegyne blocca gli effetti dell'ormone progesterone interrompendo lo sviluppo della gravidanza.

La prostaglandina induce contrazioni uterine e provoca l'espulsione dei tessuti embrionali.

In presenza di personale medico, la donna assume tre compresse di Mifegyne. Poco dopo puo' rientrare a casa.

Due giorni dopo, due compresse di prostaglandina sono anch'esse prese nello studio medico o in clinica.

La donna rimane in osservazione per alcune ore.

Per circa due terzi delle donne l'espulsione dei tessuti embrionali avviene in questo periodo, per alcune avviene piu' tardi a casa.A questo stadio molto precoce, l'embrione misura tra i 2 e gli 8 mm, a seconda della durata della gravidanza. Circa due settimane dopo la presa della prostaglandina viene effettuata una visita di controllo.

Si noti che la procedura puo' essere leggermente differente da quella descritta a seconda del luogo dove e' praticato l'intervento

Effetti secondari

Metodo chirurgico Metodo farmacologico
Dolori
L'intervento viene effettuato in anestesia locale o sotto narcosi. A volte ci possono essere dei dolori dopo l'intervento oppure brevemente durante l'intervento stesso in caso di anestesia locale. Se del caso, le verranno somministrati degli antidolorifici. Solitamente vi sono dei crampi addominali leggermente piu' dolorosi di quelli mestruali, che cessano rapidamente. A volte questi dolori possono essere piu' forti o perdurare. Se del caso, le verranno somministrati degli antidolorifici.
Perdite di sangue
Solitamente le perdite di sangue dopo l'intervento sono meno abbondanti di una mestruazione normale e durano 4 a 5 giorni. Solitamente dopo l'espulsione vi sono perdite di sangue un po' piu' abbondanti di una mestruazione normale. Durano circa 9 giorni, in alcuni casi anche piu' a lungo.
Nausea/Diarrea
La narcosi puo' provocare nausea. La prostaglandina puo' provocare nausea ed una leggera diarrea.

Rischi e complicazioni

I rischi sono piccoli per entrambi i metodi. Le complicazioni gravi occorrono in meno dell'uno per cento dei casi. Raramente si manifestano ulteriori problemi di salute. L'intervento non aumenta il rischio di non piu' poter avere bambini ulterioramente.

I problemi psichici non sono piu' frequenti con il metodo farmacologico che non quello chirurgico.

Complicazioni possibili:

Metodo chirurgico
  • Traumi o ferite al collo dell'utero e/o alla parete uterina.
  • Infezioni.
  • Forti perdite di sangue.
  • Eliminazione incompleta dei tessuti embrionali con conseguente necessita' di una seconda aspirazione.
  • Coaguli vascolari (trombosi).
Metodo farmacologico
  • Forti perdite di sangue o espulsione incompleta, con conseguente necessita' di una aspirazione per eliminare i resti dei tessuti embrionali rimasti nella cavita' uterina.
  • Insuccesso del metodo e continuazione della gravidanza. In questo caso e' necessaria un'ulteriore aspirazione (intervento chirurgico).

Confronto dei due metodi

Entrambi i metodi sono efficaci e sicuri. In rari casi il medico deve sconsigliare l'uno o l'altro per ragioni legate alla salute della donna coinvolta.Esistono pero' delle differenze riguardanti il periodo entro il quale la donna si deve decidere e anche riguardanti la percezione dei due metodi.

E' importante tenere conto di queste differenze. L'interruzione farmacologica si offre per le donne che sono giunte rapidamente alla chiara decisione di interrompere la gravidanza. Le donne che si decidono piu' tardi o hanno bisogno di un tempo di riflessione piu' esteso, devono ricorrere all'intervento chirurgico.

Le differenze piu' importanti nella percezione dell'intervento:

Metodo chirurgico
  • Operazione, eventualmente sotto narcosi.
  • Il momento dell'intervento e' pianificato e ben determinato. L'operazione dura poco tempo.
  • Di regola l'intervento non viene effettuato prima della 7a settimana.
  • Si ha piu' tempo a disposizione per prendere una decisione.
  • Se effettuato sotto narcosi, l'intervento non e' vissuto coscientemente.
  • Di solito le perdite di sangue dopo l'operazione sono poco abbondanti e di breve durata.
  • Dolori prolungati sono rari.
Metodo farmacologico
  • In oltre 95% dei casi un ulteriore intervento chirurgico non e' necessario. Non c'e' bisogno di narcosi.
  • Il procedimento e' di tre giorni.
  • L'interruzione puo' essere praticata molto precocemente, il che e' sovente percepito come un sollievo psichico.
  • L'espulsione e' vissuta coscientemente.
  • Molte donne ritengono che il metodo farmacologico e' piu' naturale.
  • Maggiore responsabilita' personale.
  • Perdite di sangue piu' prolungate.
  • Dolori addominali che durano piu' o meno a lungo.

Novembre 1999 Redatto in collaborazione con la dott.ssa Judit Pók, ginecologo a Zurigoda Lucia Ritter e Kurt Pfister. COSAN Sarl, Volketswil/ Zurigo

tratto da ADUC

ABORTO:

Per saperne di più:

Pubblicità no adsense

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Mappa dei consultori

Orari e servizi offerti

Aborto

Se hai deciso di interrompere la gravidanza, qui c'è tutto quello che devi sapere. Dalla Legge 194 che regola l'aborto in Italia alle modalità per esercitare questo diritto fondamentale della donna. Spiegazioni dei due sistemi, quello farmacologico e quello chirurgico.

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna Resp. Gabriella Pacini

Dove trovare la ricetta

Iscriviti alla Newsletter

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

comunicazione e sito web a cura di Alessio Pierobon con la collaborazione di Francesco Scarfato - Hosting Dedicato InfinyTech.net