Il cibo e piacere


Consumare i cibi che ci piacciono può sollevarci il morale e farci sentire soddisfatti e rilassati.

Per contro, il consumo dei nostri cibi favoriti a volte può causare effetti negativi quali il senso di colpa e il rimorso. Come minimizzare l'impatto negativo che il cibo ha sul nostro umore e massimizzare quello positivo?

Il principio del piacere

Mangiare è uno dei piaceri della vita e, quando ci è possibile, consumiamo gli alimenti che ci piacciono ed evitiamo quelli che non preferiamo.

È stato dimostrato che mangiare i propri cibi preferiti può stimolare il rilascio di ß-endorfine che, come è noto, esaltano l'umore (1).

Tuttavia l'attrattiva di un alimento non è legata solo alle sue proprietà sensoriali, ma dipende anche dalla fame che si ha, dall'esperienza vissuta nella precedente occasione in cui si è consumato quell'alimento e dalle circostanze sociali in cui viene consumato. In altre parole, l'alimento giusto, al momento giusto, con la giusta compagnia ci fa sentire bene.

"Voglie alimentari"

Le voglie alimentari, o il desiderio ardente di mangiare un cibo in particolare, sembrano essere molto comuni. Un sondaggio indica che, a seconda della popolazione studiata, le persone che hanno riferito di essere prese da voglie alimentari variano tra il 60 e il 90%.

È interessante notare che uomini e donne attribuiscono a queste voglie comportamenti ed emozioni contrastanti (2).

Normalmente gli uomini pensano che le voglie alimentari scaturiscano dalla fame, mentre è più facile che le donne le attribuiscano ad umori negativi come la noia e lo stress. Le donne sono inoltre più portate a provare sentimenti negativi, quali i sensi di colpa e i rimorsi, se hanno ceduto alla tentazione.

Il Dr. Peter Rogers, uno psicologo sperimentalista della University of Bristol, spiega: "Spesso il desiderio di un certo alimento nasce dal fatto che quel cibo in particolare è considerato vietato, come è il caso del cioccolato.

Se quell'alimento viene evitato consapevolmente, il desiderio di mangiarlo diventa sempre più forte fino a quando la persona non cede alla tentazione.

Dopo aver mangiato quel particolare cibo iniziano i sensi di colpa e il rimorso e la persona decide di non mangiarlo più."

Ti viene sonno?

Gli effetti dei singoli nutrienti degli alimenti sono stati ampiamente studiati, ma, fino ad ora, non è stato raggiunto un accordo chiaro riguardo l'effetto di questi nutrienti sulle nostre reazioni comportamentali.

Per esempio, il numero di ricerche che dimostrano che l'assunzione di carboidrati determina sensazioni di rilassatezza e sonnolenza è uguale a quello degli studi che non trovano alcuna prova di tale influenza (3).

È possibile che le persone reagiscano in modo diverso a determinati nutrienti come succede, ad esempio, con la caffeina.

La sensibilità alla caffeina sembra variare da individuo a individuo. Alcune persone possono bere nell'arco di poche ore diverse bevande contenenti caffeina e non avere alcun effetto, mentre altre avvertono effetti stimolanti anche dopo una sola dose.

Grandi aspettative

Mentre potrebbe esserci un'interazione tra il cibo e la chimica del corpo, non dobbiamo sottovalutare l'impatto psicologico e i condizionamenti che possono derivare dal nostro comportamento alimentare.

Per esempio, se il consumo di un particolare alimento o bevanda di solito migliora il nostro umore o il nostro livello di attenzione, ciò potrebbe accadere perché ci aspettiamo tale reazione anche se non è presente in quel cibo alcun ingrediente che la stimoli! (4).

Non ci sono dubbi sul fatto che il sapore del cibo e il piacere di mangiare possano migliorare l'umore e il benessere. Ma i notevoli effetti positivi derivanti dal mangiare "cibi dannosi ma buoni" sono spesso minati dal senso di colpa.

Il Dr. Rogers offre il seguente consiglio per massimizzare i benefici degli alimenti che esaltano l'umore: "La cosa più importante è liberarsi da ogni senso di colpa relativo al mangiare. Per fare ciò le persone devono risolvere il loro rapporto con il cibo e sviluppare comportamenti alimentari sani e realistici. Per fare questo è necessario imparare a gestire i livelli di assunzione dei propri cibi preferiti per massimizzare il piacere che procurano senza dover eccedere nel consumo per esserne appagati."

IN ARGOMENTO:

Colesterolo: cause, sintomi, diagnosi e cura

Referenze

1. Drewnowski A (1997) Taste preferences and food intake. Annual Reviews of Nutrition. 17; 237-53

2. Weingarten HP & Elston D (1991) Food cravings in a college population. Appetite 17; 167-175

3. Reid M & Hammersley R (1999) The effects of carbohydrates on arousal. Nutrition Research Reviews 12; 3 -23

4. Flaten MA & Blumenthal TD (1999) Caffeine-associated stimuli elicit conditioned responses: an experimental model of the placebo effect Psychopharmacology 145; 105-112

EUFIC - European Food Information Council

Pagina aggiornata il 11/11/2005

Pubblicità

Argomenti Correlati

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Orari e servizi offerti