Obesità e sovrappeso: conseguenze per la salute


Quali sono le conseguenze di obesità e sovrappeso sulla salute?

Le conseguenze sono molte e varie: dall'aumento del rischio di morte prematura a diversi disturbi debilitanti e psicologici che non sono letali, ma che possono influire negativamente sulla qualità della vita.

I principali problemi di salute associati ad obesità e sovrappeso sono:

Il grado di rischio è influenzato dalla quantità relativa di peso in eccesso, dalla localizzazione del grasso corporeo, dall'importanza dell'aumento di peso nell'età adulta e dalla quantità di attività fisica.

La maggior parte di questi problemi può essere migliorata con un calo di peso relativamente modesto (10-15%), soprattutto se abbinato ad un incremento dell'esercizio fisico.

Diabete di Tipo 2 e resistenza all'insulina

Di tutte le malattie gravi, il Diabete di Tipo 2 (il diabete che si sviluppa normalmente in età adulta) o diabete mellito non insulino-dipendente (NIDDM), è quello maggiormente legato all'obesità e al sovrappeso.

In effetti, il rischio di sviluppare il Diabete di Tipo 2 aumenta già con un IMC nettamente al di sotto della soglia dell'obesità (IMC = 30). Le donne obese hanno probabilità 12 volte superiori di sviluppare il Diabete di Tipo 2 rispetto alle donne con un peso normale.

Il rischio di Diabete di Tipo 2 aumenta parallelamente all'IMC, soprattutto nei soggetti con una predisposizione genetica a questa malattia e cala parallelamente alla perdita di peso.

Pubblicità


Malattie cardiovascolari e ipertensione

Le malattie cardiovascolari (CVD) comprendono la malattia coronarica (CHD), l'ictus e la malattia vascolare periferica. Queste patologie sono responsabili di un'elevata percentuale (fino ad un terzo) della mortalità di uomini e donne nella maggior parte dei Paesi industrializzati con una crescente incidenza nei Paesi in via di sviluppo.

L'obesità predispone l'individuo ad una serie di fattori di rischio cardiovascolare tra cui l'ipertensione e l'aumento del tasso di colesterolo nel sangue. Nella donna, l'obesità è al terzo posto tra i fattori di rischio di malattie cardiovascolari, dopo l'età e la pressione arteriosa.

Il rischio di attacco cardiaco per una donna obesa è circa tre volte superiore a quello di una donna magra della stessa età.

I soggetti obesi hanno maggiori probabilità di avere alti livelli di trigliceridi (grassi) e di lipoproteina a bassa densità (LDL) o "colesterolo cattivo" e una diminuzione della lipoproteina ad alta densità (HDL) o "colesterolo buono".

Questo profilo metabolico si riscontra il più delle volte nelle persone obese con un elevato accumulo di grasso endo-addominale (forma a "mela") ed è stato messo in relazione con un aumento del rischio di malattie coronariche.

Con la perdita di peso, è prevedibile che i livelli di lipidi (grassi) nel sangue ritornino alla normalità. Per ogni chilogrammo di peso perso, si è stimato che il colesterolo LDL diminuisca dell'1%.

Una perdita di peso di 10 kg può determinare un calo del 15% dei livelli di colesterolo LDL e dell'8% dei livelli di colesterolo HDL.

L'associazione tra ipertensione (pressione arteriosa elevata) e obesità è ampiamente documentata e la proporzione di ipertensione attribuibile all'obesità, nelle popolazioni occidentali, è stata stimata intorno al 30-65%.

In effetti, la pressione arteriosa sale parallelamente al IMC; per ogni aumento di peso di 10 kg, la pressione sale di 2-3mm Hg.

Inversamente, il calo di peso induce una diminuzione della pressione arteriosa e solitamente, per ogni riduzione del peso corporeo pari all'1%, la pressione scende di 1-2mm Hg.

La diffusione dell'ipertensione nei soggetti in sovrappeso è quasi tre volte superiore rispetto agli adulti con peso normale e il rischio di ipertensione negli individui in sovrappeso tra i 20 e i 44 anni è quasi sei volte superiore rispetto agli adulti con peso normale.

Cancro

Anche se la correlazione tra obesità e cancro è meno ben definita, vari studi hanno rilevato un'associazione tra sovrappeso e incidenza di alcune forme di cancro, in particolare quelle ormone-dipendenti e gastrointestinali.

Sono stati documentati maggiori rischi di cancro al seno, all'endometrio, alle ovaie e all'utero nelle donne obese e vi sono prove di un aumento del rischio di cancro alla prostata e al retto negli uomini.

L'associazione più netta è con il cancro al colon, per il quale l'obesità aumenta di quasi tre volte il rischio, sia nell'uomo che nella donna.

Osteoartrite

Le malattie degenerative delle articolazioni portanti, come il ginocchio, sono complicazioni molto diffuse dell'obesità e del sovrappeso.

Il danno meccanico alle articolazioni, determinato dal carico eccessivo, è generalmente ritenuto esserne la causa.

Anche il dolore nella parte inferiore della schiena è più comune nei soggetti obesi e può essere uno dei fattori che contribuiscono maggiormente a causare l'assenza dal lavoro imputabile all'obesità.

Per approfondire:
Dieta per l'obesità

Obesità e sovrappeso: conseguenze per la salute

Dietisti e obesità infantile, a scuola non si controlla l'alimentazione

Obesità infantile, polemica in Usa per la campagna choc

Obesità: quando si può dire di essere obesi o in sovrappeso

Obesità, il medico la curi come una malattia

Reflusso gastroesofageo: sintomi, cause e cura

Bibliografia

1. Anderson, R. E. et al. (1998). Relationship of physical activity and television watching with bodyweight and level of fatness among children: results from the Third National Health and Nutrition Examination Survey. Journal of the American Medical Association, 279:938-942.

2. Bray, G. (1996). Coherent, preventive and management strategies for obesity. In Chadwick, D. J., and Cardew, G. C. (Editors). The Origins and Consequences of Obesity. J. Wiley, Chichester, pp. 228-254 (Ciba Foundation Symposium 201).

3. Dattilo, A. M. and Kris-Etherton, P. M. (1992). Effects of weight reduction on blood lipids and lipoproteins: a meta analysis. American Journal of Clinical Nutrition, 56:320-328.

4. Gortmaker, S. L.., Must, A., Perrin, J.M., Sobol, A.M., Dietz, W.H. (1993). Social and economic consequences of overweight in adolescence and young adulthood. New England Journal of Medicine, 329:1008-1012.

5. Hu, F. B.; Rimm, E.B., Stampfer, M.J., Ascherio, A., Spiegelman, D., Willett, W.C. (2000). Prospective study of major dietary patterns and risk of coronary heart disease in man. American Journal of Clinical Nutrition, 72:912-921.

6. Hubert, H. B.; Feinleib, M.; McNamara, P. M., Castelli, W. P. (1983). Obesity as an independent risk factor for cardiovascular disease: a 26-year follow-up of participants in the Framingham Heart Study. Circulation, 67:968-977.

7. Lemieux, S., Prud'homme D., Bouchard C., Tremblay A., Despres J.P., (1993). Sex differences in the relation of visceral adipose tissue accumulation to total body fatness. American Journal of Clinical Nutrition, 58:463-467.

8. Lévy E., Lévy P., Le Pen C., Basdevant A., (1995). The economic cost of obesity: the French situation. International Journal of Obesity and Related Metabolic Disorders, 19:788-792.

9. National Audit Office (2001). Tackling obesity in England. Report by the Comptroller and Auditor General HC220, pp. 1-65. The Stationery Office.

10. Office of Population Censuses and Surveys (1994). General Household Survey. HMSO, London.

11. Staffieri, J. R. (1967). A study of social stereotypes of body image in children. Journal of Personality and Social Psychology, 7:101-104.

12. World Health Organisation (1989). MONICA Project: risk factors. International Journal of Epidemiology, 18(suppl. 1):S46-S55.

13. World Health Organisation (2000). Obesity: preventing and managing the global epidemic. WHO Technical Report Series 894, Geneva. EUFIC - European Food Information Council

pag. 2 (English version: What are the health consequences of obesity and overweight?)

Pagina aggiornata il 23/10/2005

Pubblicità

Argomenti Correlati

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo