Bambini che mangiano troppo


Alla base dell'obesità vi sono soprattutto fattori genetici e neuropsicologici, sui quali si inseriscono fattori culturali e socioeconomici, con conseguenti abitudini di vita scorrette (alimentazione eccessiva, scarsa attività fisica).

Recenti studi imputerebbero prevalentemente al metabolismo il determinarsi dell'obesità: sarebbero a rischio soprattutto gli individui con bassa spesa energetica di base (cioè con una predisposizione metabolica genetica).

Negli anni '70 furono condotti degli studi che sembravano dimostrare che un eccessivo aumento di peso già nella prima infanzia portava ad un aumento numerico delle cellule del tessuto adiposo con conseguente predisposizione all'obesità per tutta la vita.

Tale teoria è stata in seguito confutata e tuttora non è stato possibile verificarne l'esattezza. Questo però non significa che non dobbiamo preoccuparci dell'eccesso di peso del lattante: questo di per sé comporta inconvenienti, indipendentemente dal fatto che si traduca o no in obesità dell'adulto.

Si pensi soprattutto ai problemi relazionali ed emotivi connessi con l'obesità nell'infanzia e alle difficoltà che questa crea nell'apprendimento delle funzioni motorie.

Oltre ai rischi probabili, anche se da dimostrare, ne esistono quindi di certi, che ci fanno ritenere opportuno tenere sotto controllo il peso già nel lattante.

Indispensabile a questo proposito, come già detto, non anticipare l'inserimento di cibi solidi prima dei sei mesi, proprio per il rischio che comportano di aumentare eccessivamente l'apporto energetico e quindi di portare il bambino in sovrappeso.

Importantissimo condurre bene il divezzamento, "consegnando" subito al bambino corrette abitudini alimentari e motorie: è il modo più efficace per prevenire eccessi di peso nelle età successive.

Il bambino obeso è a rischio di restare obeso da adulto: riportare il peso entro valori normali richiede una disciplina rigorosa e continuativa, dato che le ricadute sono frequenti.

E' bene quindi saper mantenere il proprio peso nei limiti consigliati fin dal l'infanzia per non dover ricorrere da adulti a faticosi trattamenti correttivi.

Vedi: Anoressia e bulimia

Suggerimenti tecnici per l'allattamento al seno. Allattamento artificiale. Lo svezzamento. Schemi di svezzamento e ricette. Puericultura consigli. Puerperio e piccoli disturbi. Assistenza domiciliare al puerperio Le vaccinazioni. Quando chiamare il medico. Aspetti pscicologici della coppia. Depressione post partum.
La tutela della maternità   Congedo per malattia del bambino Gli esami gratuiti del SSN Attività sessuale in gravidanza e nel puerperio.
La dieta alimentare Il controllo della nutrizione Bulimia e anoressia Faq su gravidanza Dove partorire a Roma

Pagina aggiornata il 9 maggio 2006

Pubblicità

Argomenti Correlati

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo