Le pazienti Binge Eating e l'obesità


Le pazienti Binge Eating e l'obesità.  L'obesità è dal punto di vista psichiatrico ancora una terra di nessuno, i manuali psichiatrici se ne sono sempre poco occupati anche se è sempre più evidente l'importanza dell'aspetto psicologico dell'obesità anche quando si è costretti(nei grandi obesi) al ricorso della chirurgia per evitare i gravi rischi del sovra-peso per la vita.

Ci si ritrova improvvisamente svuotati del proprio peso senza avere assolutamente elaborato il senso di ciò che accade, con il rischio di gravi scompensi.

Possiamo dunque precisare che circa il 70% degli obesi soffre di iperfagia, una forma di iperconsumo di cibo senza la sensazione di perdita di controllo.  Tale sensazione penosa riguarda invece solo un ristretto 30% di soggetti; i così detti BED: il Disturbo di abbuffate incontrollate non accompagnate da condotte di compenso(vomito, lassativi, sport in eccesso).

Abbiamo dunque due gruppi di soggetti:

  • Binge Eating Disorder: Disturbo di abbuffate compulsive 

Qui il piacere dell'abbuffata cede il posto ad un penosa sensazione di perdere il controllo, questa sensazione si allarga dalla percezione del corpo a tutta la sfera psicologica. Dal punto di vista fisico, il soggetto sente di mangiare troppo rapidamente, a volte senza piacere, spesso ha una sensazione penosa di troppo pieno, mangia senza fame, spesso in solitudine in una condizione di imbarazzo, di colpa, di disgusto per sé stesso; tutto ciò attiva il classico cortocircuito: Colpa-Depressione- Nuova abuffata. Si torna a mangiare per tentare di calmare la depressione.

  • Il soggetto iperfagico, al contrario, tende a ignorare la gravità della sua patologia, trae sempre un grande piacere dal cibo ed una paradossale sensazione di autocontrollo, così i medici hanno un bel da fare per convincerlo che si deve curare. Paradossalmente, come ha osservato Domenico Cosenza (In Civiltà e Disagio) c'è un analogia tra l'indifferenza e l'onnipotenza anoressica e quella dell'iperfagico. 

Qui assistiamo ad uno scatenamento dell'oralità (del piacere orale) assolutamente autarchico, che da l'illusione di evitare il conflitto nei confronti del legame con l'Altro.

Possiamo cogliere al fondo di questi disturbi una modalità di essere esposti ,in balia dell'Altro senza limiti o barriere.

Anoressia - Bulimia - Obesità Dipartimento di salute mentale RMD

Centro integrato di psicoterapia: Psico-diagnostica, Terapia di gruppo, Terapia individuali, Gruppi  Coordinamento e sinergia con le strutture internistiche territoriali

Via Giovagnoli, 29 - Roma - Per qualsiasi richiesta: Dr Elisabetta Spinelli - Tel. 333 3517503 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pagina aggiornata il 10 giugno 2009

Pubblicità

Argomenti Correlati

Anoressia

Anoressia e bulimia, cosa c'è dietro al disturbo. Non si mangia soltanto per sostentarsi, mangiare è un'attività carica di simboli e con essa esprimiamo la nostra relazione con il mondo

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo