Nascita e abbandono in ospedale: se la donna non vuole essere nominata


Nascita e abbandono in ospedale: se la donna non consente di essere nominata e chiede la sospensione del procedimento di adottabilità

Protocollo d'intesa tra il Tribunale dei Minorenni ed il Comune di Roma - Dipartimento V - Politiche Sociali della Salute

4) DONNA CHE NON CONSENTE DI ESSERE NOMINATA E CHIEDE LA SOSPENSIONE DEL PROCEDIMENTO DI ADOTTABILITA'

E' opportuno ricordare il caso in cui la donna avesse bisogno di un periodo ulteriore di tempo per riflettere sulla sua scelta.

Il Servizio Sociale, o la Direzione Sanitaria ospedaliera, segnalerà tempestivamente al T.M. e all'Ufficio Tutela Pubblica la nascita del bambino e la richiesta della madre di un periodo di riflessione riguardo al riconoscimento del minore.

La denuncia di nascita del bambino verrà effettuata presso l'Ufficio Anagrafe del Comune di Roma dai sanitari che hanno assistito al parto con una certificazione che riporti la dicitura "donna che non consente di essere nominata". Verrà data comunicazione dell'avvenuta iscrizione anagrafica al T.M. e all'Ufficio Tutela Pubblica. Non appena possibile la madre verrà inviata al T.M. che deciderà in merito alla collocazione del bambino al momento della dimissione dall'ospedale.


CARTELLA CLINICA DEL BAMBINO

In tale documento è opportuno che vi siano quante più informazioni utili dell'anamnesi clinica materna nell'interesse della salute e cura del neonato, ma non dovranno comparire dati che possano ricondurre all'identità della madre naturale.

DIMISSIONI DEL NEONATO NON RICONOSCIUTO

Al momento delle dimissioni del neonato è importante la presenza del tutore delegato per la firma della cartella clinica a garanzia dell'anonimato della coppia individuata dal T.M.

Si sottolinea l'importanza dell' incontro della coppia con il bambino in ospedale e la necessità quindi, che avvenga in situazioni quanto più accoglienti possibili, in locali riservati con tempi dedicati. L'identità dei coniugi dovrà rimanere sconosciuta all'ospedale pertanto la coppia deve essere identificata solo dal tutore delegato che la accompagnerà dopo aver ritirato il decreto di collocamento provvisorio al T.M.

I sanitari dovranno dare alla coppia ogni notizia utile al fine della massima cura e salute del minore, fornendo anche il cosiddetto "cartoncino di dimissioni", dove saranno riportate le informazioni relative al decorso del parto, alle indagini cliniche effettuate durante il ricovero, etc. (tutte le notizie utili per il pediatra di base).

Si ribadisce la necessità di non effettuare alcun riferimento ricollegabile all'identità della madre naturale. Qualora, eccezionalmente, il Tutore delegato non possa accompagnare, come di norma, la coppia in ospedale, al fine di non prolungare la degenza del bambino, potrà autorizzare l'Assistente Sociale della struttura a firmare la cartella per la dimissione del neonato

Quando non sia possibile il passaggio diretto dall'ospedale in famiglia, il neonato, se dimissibile, verrà inserito a cura del Tutore delegato nel Centro Comunale per l'Infanzia o in altra casa-famiglia idonea in attesa di un futuro collocamento in una famiglia adottiva, sempre previo dispositivo del T.M.

Qualora il Tutore delegato non possa essere presente al momento delle dimissioni, potrà autorizzare gli operatori della struttura che ospiterà il bambino a firmare la cartella clinica.

Costituiscono parte integrante e sostanziale del presente Protocollo i seguenti allegati:

A. scheda di segnalazione di neonato/a, da donna chenon consente di essere nominata

B.scheda per l'iscrizione anagrafica del neonato/a

C. scheda per la dimissibilità del minore

C1. scheda per la comunicazione delle condizionisanitarie del minore.

Roma, 29 ottobre 2007

Firmato da: il Direttore del V Dipartimento del Comune di Roma il Presidente del Tribunale per i Minorenni di Roma

Nascita e abbandono in ospedale, procedure:

Sintomi gravidanza

Pagina aggiornata il 12 dicembre 2007

Pubblicità

Argomenti Correlati

Gravidanza

Sei incinta? Ecco cosa fare. Quali esami in gravidanza e quando, la diagnosi prenatale, le malattie in gravidanza, il parto naturale, l'epidurale e il cesareo. La guida di Vita di Donna, dagli stili di vita all'alimentazione in gravidanza.

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

La gravidanza

Sei incinta o vuoi avere un bambino? Visita la nostra guida alla gravidanza

Primi sintomi della gravidanza, sono incinta?

Periodo fertile, come calcolare l'ovulazione

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

Allattamento al seno

Sei hai problemi ti aiuta Gabriella Pacini Consulente internazionale per l'allattamento al seno (IBCLC) Tel. 3339856046 oppure scrivi gabriella.pacini@gmail.com