Congedo parentale (astensione facoltativa): domande e risposte

Congedo parentale (astensione facoltativa), quando può essere richiesto, per quanto tempo, in quali casi. Domande e risposte sui casi più frequenti.

Se la madre e il padre fossero non sposati e non conviventi, alla madre spettano i 10 mesi di congedo parentale come unico genitore?

Solo se il figlio è affidato esclusivamente alla madre, sulla base di un provvedimento formale.

Se la madre è in congedo parentale e si ammala può chiedere di sospendere il congedo?

Si, la madre, presentando la documentazione necessaria, può chiedere la trasformazione del titolo dell'assenza.

Il datore di lavoro può opporre le esigenze aziendali alla concessione del congedo?

No, si possono individuare criteri e modalità, ma solo a seguito di contrattazione collettiva, non come decisione unilaterale del datore di lavoro.

I 15 giorni di preavviso sono da intendere come giorni di calendario o come giorni effettivamente lavorati?

La legge non lo precisa in assenza di disposizioni del contratto collettivo, si potrebbe ritenere che si tratti di giorni di calendario.

Se la madre ha già usufruito dei 6 mesi di astensione facoltativa nel corso del 1° anno di vita di un figlio, può assentarsi per altri ulteriori mesi?

Fermo restando l'eventuale diritto al congedo per malattia del bambino, la madre che ha già utilizzato i 6 mesi di astensione facoltativa, non ha diritto a ulteriori mesi di congedo parentale, a meno che nel frattempo non diventi "genitore solo" ai sensi di legge, nel qual caso ha diritto a integrare l'assenza fino a 10 mesi (ha quindi diritto a ulteriori 4 mesi).

Va però tenuto presente che per «genitore solo» il Testo Unico sulla maternità intende il genitore che si trova da solo in quanto l'altro genitore è morto, ha abbandonato il figlio oppure non lo ha riconosciuto ovvero ancora perché a seguito di un provvedimento della competente autorità il figlio è stato affidato ad uno solo dei genitori

Può la madre utilizzare i 4 mesi di congedo parentale del padre, previa rinuncia di questi?

No. La legge ha attribuito un diritto originario al congedo parentale per la madre e per il padre, lavoratori subordinati. Questo significa che i mesi di congedo parentale residui possono essere goduti solo dal padre e non sono trasmissibili alla madre, che continua a poter godere al massimo di 6 mesi

Il genitore ha diritto al congedo anche se il figlio non è convivente?

Si.

Da quando il padre ha diritto di utilizzare il congedo parentale

Il padre può utilizzare  il congedo parentale dal momento della nascita del figlio e ciò a prescindere dal fatto che la madre sia o meno in congedo di maternità.

Il congedo parentale può essere utilizzato contemporaneamente dalla coppia di lavoratori subordinati?

Si. Ed è possibile che il padre utilizzi il congedo e la madre i riposi orari giornalieri, ma attenzione, l'inverso non è previsto.

Il datore di lavoro può rifiutare di concedere il periodo di congedo parentale richiesto con regolare preavviso?

No. Finchè non interverrà la contrattazione collettiva, come indicato dalla legge, per regolare criteri e modalità di utilizzazione del congedo, basta la richiesta.

Può il datore di lavoro negare un congedo parentale, laddove la richiesta non sia stata consegnata entro i 15 giorni previsti?

Si, a meno che non si possa provare un'oggettiva impossibilità.

Come si calcola il periodo di congedo parentale?

Il periodo può essere utilizzato anche frazionatamente. La legge non indica un periodo minimo, ma tra un periodo e l'altro di congedo vi deve essere ripresa lavorativa. I giorni non lavorativi e festivi (sabato e domenica) compresi nel periodo di congedo, vengono computati nel calcolo dell'assenza.

Se viene richiesto un congedo per un periodo che va da lunedì a venerdì, con il sabato non lavorativo, quanti sono i giorni di congedo?

Si calcolano tutti i giorni fino al rientro al lavoro.

Si può chiedere un giorno di congedo la settimana?

Si, è meglio concordare con il datore di lavoro se il preavviso va dato settimama per settimana oppure una sola volta per un congruo periodo di tempo.

Al termine del congedo parentale, prima di rientrare al lavoro, il genitore può usufruire di un periodo di ferie?

Si, salvo ovviamente concordare la cosa con il datore di lavoro in quanto, in questo caso, valgono le norme contratuali relative alle ferie.

Ultimo aggiornamento: maggio 2012 a cura dell'avv. Laura Marino

Pubblicità

Argomenti Correlati

Gravidanza

Sei incinta? Ecco cosa fare. Quali esami in gravidanza e quando, la diagnosi prenatale, le malattie in gravidanza, il parto naturale, l'epidurale e il cesareo. La guida di Vita di Donna, dagli stili di vita all'alimentazione in gravidanza.

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

La gravidanza

Sei incinta o vuoi avere un bambino? Visita la nostra guida alla gravidanza

Primi sintomi della gravidanza, sono incinta?

Periodo fertile, come calcolare l'ovulazione

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

Allattamento al seno

Sei hai problemi ti aiuta Gabriella Pacini Consulente internazionale per l'allattamento al seno (IBCLC) Tel. 3339856046 oppure scrivi gabriella.pacini@gmail.com

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Orari e servizi offerti