Congedo per maternità per lavoratrici sospese o disoccupate


Secondo il TU l'indennità di maternità è corrisposta anche nei casi di risoluzione del rapporto di lavoro previsti dal contratto a termine o di cessazione dell'attività dell'azienda cui la lavoratrice è addetta, che si verifichino durante i periodi di congedo di maternità sia «normale» che «anticipato».

In base alla sentenza della Corte Costituzionale n. 405/2001 il diritto all'indennità di maternità viene riconosciuto anche nei casi di licenziamento per giusta causa, a seguito di colpa grave della lavoratrice, che si verifichino durante i periodi di congedo per maternità sia «normale» che «anticipato».

Alle lavoratrici gestanti, che all'inizio del congedo per maternità risultano sospese o assenti dal lavoro senza retribuzione ovvero disoccupate, spetta il normale trattamento economico di maternità.

Ai fini del computo dei predetti 60 giorni, non si tiene conto:

    • delle assenze dovute a malattia o a infortunio sul lavoro, accertate e riconosciute dagli enti competenti;
    • dei periodi di congedo parentale e di congedo per malattia del bambino dei quali la lavoratrice gestante abbia fruito in seguito a una precedente maternità;
    • del periodo di mancata prestazione lavorativa prevista dal contratto di lavoro a tempo parziale di tipo verticale;
    • del periodo di assenza fruito per accudire minori in affidamento.

Lavoratrici disoccupate da oltre 60 giorni

Qualora il congedo di maternità abbia inizio dopo che siano trascorsi 60 giorni dalla data di risoluzione del rapporto di lavoro, il diritto all'indennità di maternità è riconosciuto a condizione che la lavoratrice risulti, alla data di inizio del congedo di maternità, in godimento del trattamento di disoccupazione. Ovviamente il trattamento di disoccupazione viene sostituito dall'indennità di maternità.

La norma in un primo tempo applicata soltanto in caso di disoccupazione ordinaria, è stata estesa successivamente estesa dall'INPS anche  ai casi  di'indennità di disoccupazione con requisiti (v. INPS circ. n. 4/2006)

Le stesse regole valgono anche nel caso di fruizione dell'indennità di mobilità; anche il questo caso la lavoratrice ha diritto all'indennità di maternità in luogo di tale trattamento.

La lavoratrice che si trova disoccupata da oltre 60 giorni alla data di inizio del congedo di maternità, ma non è in godimento dell'indennità di disoccupazione perché nell'ultimo biennio ha effettuato lavorazioni alle dipendenze di terzi non soggette all'obbligo dell'assicurazione contro la disoccupazione, ha diritto all'indennità giornaliera di maternità, purché al momento dell'inizio del congedo di maternità non siano trascorsi più di 180 giorni dalla risoluzione del rapporto di lavoroe, nell'ultimo biennio che precede il suddetto periodo, risultino versati o dovuti a suo favore almeno 26 contributi settimanali nell'assicurazione obbligatoria per l'indennità di maternità.

Lavoratrici sospese da oltre 60 giorni

La lavoratrice sospesa dal lavoro da oltre 60 giorni alla data di inizio del congedo di maternità ha diritto all'indennità giornaliera di maternità, purché alla data di inizio del congedo di maternità stesso risulti in godimento del trattamento ordinario o straordinario di integrazione salariale. Ovviamente il trattamento di integrazione salariale viene sostituito dall'indennità di maternità.

ADEMPIMENTI DELLA LAVORATRICE

La lavoratrice che non ha un rapporto di lavoro dipendente privato in essere al momento di inizio dell'astensione obbligatoria deve presentare la domanda per ottenere l'indennità di maternità direttamente all'ente previdenziale (INPS) precisando che intende chiedere il pagamento diretto della prestazione, non avendo possibilità di anticipazione da parte del datore di lavoro. La lavoratrice che ha cessato il rapporto da una pubblica amministrazione deve presentare domanda all'ultimo datore di lavoro pubblico.

TABELLA RIEPILOGATIVA

La lavoratrice ha cessato il rapporto di lavoro per:
cessazione attività aziendale;
scadenza contratto a termine;
ultimazione della prestazione per la quale è stata assunta;
licenziamento per giusta causa
SÌ, ha diritto all'indennità di maternità se la risoluzione del rapporto di lavoro è intervenuta non oltre 60 giorni dall'inizio dell'astensione obbligatoria.
La lavoratrice beneficia dei trattamenti di:
disoccupazione;
mobilità
cassa integrazione ordinaria;
cassa integrazione straordinaria.
SÌ, ha diritto all'indennità di maternità anche se la cessazione o sospensione del rapporto di lavoro è intervenuta da oltre 60 giorni, qualora all'inizio dell'astensione obbligatoria percepisca tali trattamenti.
La lavoratrice non ha diritto all'indennità di disoccupazione perché nell'ultimo biennio non ha lavorato in aziende soggette a tale obbligo assicurativo. SÌ, ha diritto all'indennità di maternità se la cessazione del rapporto di lavoro è intervenuta non oltre 180 giorni dall'inizio dell'astensione obbligatoria e nel biennio precedente risultino versati almeno 26 contributi settimanali per maternità.
La lavoratrice è assente o sospesa dal lavoro senza retribuzione per:
aspettativa per fatti personali;
sciopero;
altri motivi.
SÌ, ha diritto all'indennità di maternità solo se tra la sospensione dal lavoro e l'inizio dell'astensione obbligatoria non sono trascorsi più di 60 giorni.

Ultimo aggiornamento: maggio 2012 a cura dell'avv. Laura Marino

Pubblicità

Argomenti Correlati

Gravidanza

Sei incinta? Ecco cosa fare. Quali esami in gravidanza e quando, la diagnosi prenatale, le malattie in gravidanza, il parto naturale, l'epidurale e il cesareo. La guida di Vita di Donna, dagli stili di vita all'alimentazione in gravidanza.

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

La gravidanza

Sei incinta o vuoi avere un bambino? Visita la nostra guida alla gravidanza

Primi sintomi della gravidanza, sono incinta?

Periodo fertile, come calcolare l'ovulazione

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

Allattamento al seno

Sei hai problemi ti aiuta Gabriella Pacini Consulente internazionale per l'allattamento al seno (IBCLC) Tel. 3339856046 oppure scrivi gabriella.pacini@gmail.com