Il parto naturale, si può partorire naturalmente a casa?


Ormai sono più di 10 anni che le ostetriche dell'associazione Vita di Donna assistono parti a casa. La domanda che mi viene posta più frequentemente è: "Perché alcune persone scelgono di partorire a casa? Ma è sicuro?"

parto naturale a casa

Il parto in casa è sicuro.

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità "il posto più sicuro per parto è quello che sceglie la donna, quello in cui si sente più a suo agio", anche a casa, se lo desidera.

E' importante che il partner che sia coinvolto attivamente e che la scelta sia condivisa. I motivi che spingono una coppia (è importante che il partner che sia coinvolto attivamente) a scegliere questo percorso sono svariati.

Vantaggi:

A casa non bisogna fare compromessi con i protocolli ospedalieri e l'unica condizione è la salute della donna e del bambino: solo una mamma sana con una gravidanza fisiologica può partorire a casa. Questo stato è comune all'85% delle donne in gravidanza.




Non è utile avere un'ambulanza sotto casa, ma è importante che l'ospedale sia raggiungibile in 30 min. Non ci sono sale travaglio e sale parto, posizioni obbligate e procedure stereotipate e le ostetriche si dedicano esclusivamente al monitoraggio del travaglio e del parto.

Non ci sono parti indotti, parti operativi (ventosa, forcipe...) e neanche la Kristeller: la spinta sulla pancia così diffusa in ospedale. Il travaglio non viene accelerato con la flebo di ossitocina.

E' più facile controllare il dolore delle contrazioni con massaggi, rilassamento o altri metodi naturali che la donna preferisce. Non si fa episiotomia (taglio sulla vagina) a meno che non sia inevitabile,

La mamma può scegliere le persone che vuole avere con sé. Può mangiare e bere in travaglio, farsi un bagno, una doccia anche una passeggiata. Dopo il parto il bambino rimane con la mamma e può essere subito attaccato al seno.

I controlli per mamma e bambino seguono i loro ritmi e non la routine ospedaliera e vengono usati farmaci solo se necessario (in molti ospedali il Methergin viene somministrato di routine a tutte le donne sia che ne abbia bisogno o meno, senza tener conto degli effetti collaterali).

Il rispetto della donna e dei tempi del parto è importante non solo perché l'esperienza del parto è uno dei momenti più belli della vita di una donna ma anche perché qualsiasi intromissione o elemento di disturbo rende il parto molto più lungo e penoso.

La donna non è esposta ad una inutile medicalizzazione, così comune nei nostri ospedali e cliniche, che è una delle cause del vertiginoso aumento dei tagli cesarei.

Svantaggi:

Non si può partorire a casa se la gravidanza è durata meno di 37 sett. o più di 42 sett. Non si può indurre il travaglio, ci si deve spostare se il travaglio non procede e deve essere indotto con farmaci o se si ritiene necessario un taglio cesareo.

Non si può fare l'epidurale. Non può partorire a casa chi ha avuto un precedente cesareo o il feto si presenta in posizione podalica.

Alcune donne scelgono questa soluzione per una precedente esperienza ospedaliera deludente, altre perché il parto in ospedale è stato bello e gratificante e vogliono sentirsi ancora più autonome e protagoniste.

Generalmente mi sembrano persone a cui piace vivere l'esperienza in prima persona e non sono propensi a delegare, ma vogliono sentirsi coinvolti nelle decisioni.

Riguardo all'ambiente qualsiasi casa ben riscaldata e con acqua corrente può essere adatta al parto, le cose che deve preparare la coppia sono poche e il necessario viene portato dalle ostetriche allo scadere delle 37 sett.

Raramente la mamma sceglie il letto matrimoniale, spesso è un divano la scelta privilegiata con le ginocchia appoggiate a dei cuscini morbidi sul pavimento, ma può andare bene qualsiasi stanza e posizione. Dopo la nascita, la visita al bambino viene fatta dalle ostetriche che valutano l'adattamento e i riflessi.

Il pediatra visita il neonato entro 24 ore dalla nascita e l'ostetrica segue il puerperio della madre ed effettua gli screening di legge tra il 3 e il 5 giorno..

di Gabriella Pacini

Diagnosi prenatale

La consulenza preconcezionale

Partorire con o senza epidurale?

Le raccomandazioni OMS per il parto

Non partorire prima delle 39 settimane, leggi perchè

GRAVIDANZA:

Pubblicità

Argomenti Correlati

Gravidanza

Sei incinta? Ecco cosa fare. Quali esami in gravidanza e quando, la diagnosi prenatale, le malattie in gravidanza, il parto naturale, l'epidurale e il cesareo. La guida di Vita di Donna, dagli stili di vita all'alimentazione in gravidanza.

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

La gravidanza

Sei incinta o vuoi avere un bambino? Visita la nostra guida alla gravidanza

Primi sintomi della gravidanza, sono incinta?

Periodo fertile, come calcolare l'ovulazione

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

Allattamento al seno

Sei hai problemi ti aiuta Gabriella Pacini Consulente internazionale per l'allattamento al seno (IBCLC) Tel. 3339856046 oppure scrivi gabriella.pacini@gmail.com