Mangiare pesce fa bene al cuore, ma attenzione al mercurio


Gli esperti di alimentazione consigliano di preferire il pesce agli altri tipi di carne per soddisfare il fabbisogno proteico. Ma una recente ricerca, pur esaltando il contenuto di grassi acidi omega 3, mette in guardia dal mercurio che può minacciare la salute.

Pesce, omega 3 e mercurio

Gli acidi grassi omega 3, contenuti in diversi alimenti ma con una concentrazione maggiore nei pesci, sono importanti per la salute cardiovascolare.

Ma lo studio portato a termine in Svezia presso la Umea University mette in guardia per il contenuto di mercurio contenuto in alcuni tipi di pesce.

Diverse ricerche affermano che un'alta concentrazione di mercurio nel cervello possa creare problemi neurologici.

Lo studio, pubblicato sull'American Journal of Clinical Nutrition, spiega che i ricercatori svedesi hanno analizzato sangue e capelli di circa 1.600 uomini, sia svedesi che finlandesi.

I test hanno rilevato le quantità di mercurio e di acidi grassi. I dati indicano che i soggetti con alti livelli di mercurio hanno un rischio maggiore di andare incontro ad un attacco cardiaco.

Per gli uomini in cui è stato rilevato maggiore livello di omega 3 il rischio cardiaco è più basso a parità di quantità di mercurio.

Maria Wennberg, che ha coordinato la ricerca, ha spiegato che "per avere i benefici dei grassi senza i problemi del mercurio conviene mangiare pesce due o tre volte alla settimana con almeno un pasto fatto con un pesce non predatore, come il salmone, e non esagerare invece con quelli predatori, come il tonno, che hanno un contenuto di mercurio più alto".

Il mercurio è un metallo presente nell'acqua, viene ingerito dal plancton e risale la catena alimentare diventando sempre più concentrato. Il pesce grande che mangia quello più piccolo, questa legge della natura, a causa dell'inquinamento, è la causa del cosiddetto bioaccumulo.

Motivo per cui i pesci con una maggiore concentrazione di mercurio sono proprio i grandi predatori (tonno, pescespada, verdesca) che, essendo ai vertici della catena alimentare, ne accumulano dosi maggiori.

È meglio quindi consumare pesci di piccola taglia, o quelli non provenienti dalle aree inquinate, o ancora quelli di allevamento come ad esempio il salmone, che è ricchissimo di omega 3, o la trota.

Per approfondire:

La celiachia

Colesterolo: cause, sintomi, diagnosi e cura

Indice Glicemico per gli alimenti

Le diete dimagranti

Alimentazione

Reflusso gastroesofageo: sintomi, cause e cura

1 settembre 2012

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo