Ipertensione, quando il sale è troppo anche i bambini rischiano


Quando il sale è troppo fa male, ma non solo agli adulti. Anche nei bambini può portare a conseguenze dannose per la loro salute. In sintesi, questa è la conclusione di uno studio dei CDC e pubblicato su Pediatrics.

sale, bimbi e ipertensione

Cosa non fa un genitore per rendere più appetibili i pasti del proprio figlio? A volte, certamente armati di buone intenzioni, i genitori caricano un po' troppo l'alimento nei pasti dei bambini anche di 3-4 anni.

Il risultato è che il sale mette anche i piccoli a rischio di malattie come l'ipertensione.

Per arrivare a queste conclusioni i ricercatori CDC (Centers for Disease Control and Prevention), guidati da Quanhe Yang, hanno preso in considerazione i dati relativi all'alimentazione e alla pressione sanguigna di oltre 6 mila giovani in una fascia di età compresa tra gli 8 e i 18 anni.

Gli stessi ragazzi, in precedenza erano stati monitorati grazie ad una iniziativa governativa che aveva controllato la loro alimentazione negli anni che vanno dal 2003 al 2008.

Quello che è subito apparso evidente è che, analizzando le risposte date su cosa avevano consumato nelle 24 ore precedenti, il consumo di sale era pari a quello dei loro genitori.

Secondo lo studio, il consumo medio degli intervistati si attestava a 3,387 mg di sale al giorno, mentre le indicazioni dei nutrizionisti statunitensi consigliavano di non superare la quantità di 2,3 mg quotidiani.

Questa evidenza, secondo i ricercatori, era la causa di un aumentato rischio di ipertensione. Le verifiche effettuate confermavano infatti che, nei maggiori consumatori di sale, la pressione arteriosa aveva livelli più alti.

Anche nei giovani, gli esiti di un eccesso di sale erano quelli che a maggiore consumo corrispondeva una più alta pressione arteriosa.

Cosa da non trascurare, secondo la ricerca, perché l'ipertensione è una malattia diffusa tra i bambini al pari dell'asma. L'unica differenza è che si tende a sottovalutare la patologia e ciò comporta a minori controlli.

Ma sta di fatto che secondo gli studiosi il rischio è piuttosto alto. I dati riferiscono che tra i ragazzi che hanno consumato maggiori quantità di sale il rischio di malattie cardiache raddoppia rispetto a quelli che ne hanno consumato meno.

Se poi si considera che uno dei fattori di rischio per l'ipertensione è l'obesità (un problema serio negli Stati Uniti), l'eccesso di sale nella dieta non fa che aumentare ancora di più le probabilità della malattia.

In ogni caso la ricerca non rileva solo brutte notizie. Infatti, è stato dimostrato che alla riduzione dell'assunzione di sale corrispondono dei valori pressori meno pericolosi. Insomma la pressione si abbassa rapidamente riducendo il rischio di malattia.

Per approfondire:

L'eccessivo consumo di sale

Ipertensione arteriosa e uso del sale

L'alimentazione dei bambini, dal primo anno di vita all'adolescenza

Ipertensione in gravidanza

19 settembre 2012

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Orari e servizi offerti