Integratori alimentari, alcuni possono danneggiare la salute


La Dietilamilamina (DMAA) è una sostanza simile all'anfetamina  impiegata illecitamente negli integratori alimentari e nei prodotti destinati agli sportivi in qualità di «fat burner» (ossia per bruciare i grassi), inibitore dell'appetito o stimolante.

Integratori alimentari

Può pure essere contenuta nelle pasticche da discoteca.

La sostanza agisce sul sistema nervoso centrale e può causare un aumento della pressione arteriosa, insufficienza respiratoria, tachicardia o addirittura un infarto cardiaco.

Non autorizzata in Italia, la DMAA figura nell'elenco delle sostanze dopanti della WADA , Agenzia Mondiale Antidoping.

Ora la Food & Drug Administration (FDA), ente governativo statunitense per la regolamentazione dei farmaci, ha lanciato l'allerta ad aziende e consumatori dopo 86 segnalazioni di malattie e morti riconducibili a questo prodotto.

Lo scorso anno il Dipartimento della Difesa americano aveva rimosso tutti i prodotti contenenti dimetilamilamina dai negozi delle basi militari, dopo la morte di due soldati di 22 e 32 anni che hanno avuto un infarto mentre facevano esercizi fisici.

La FDA ha anche  scritto a 11 aziende che la usano, precisando che i prodotti contenenti dmaa come Jack3D e Oxy Elite Pro sono illegali. Tra queste solo una ha deciso di interrompere la produzione e la vendita.

In Italia nonostante sia vietata la vendita, la dimetilamilamina continua a circolare indisturbata: si può facilmente acquistare su internet e gli integratori alimentari che la contengono, provenienti da Usa e Canada, continuano a essere distribuiti anche in Europa, come dimostrano le segnalazioni al Rasff, il sistema di allerta rapido sul cibo.

La Svezia si è appellata al Rasff spiegando che prodotti con DMAA,  provenienti da Stati Uniti e Canada (via Polonia), sono stati distribuiti a 34 Paesi europei, tra cui l'Italia.

La DMAA si può poi "nascondere" sotto altri nomi: metilexanamina, estratto di radice di geranio, olio di geranio, 1,3 dimetilamilamina, pentilamina, geranamina, fortano, 2-amino-4-metilexano.

Secondo Silvano Gaetani, docente di Farmacologia presso l'università La Sapienza di Roma, "Il problema è che gli integratori in commercio non devono passare gli stessi test di sicurezza dei farmaci, la normativa per loro è più blanda. C'è un mercato molto affermato, ma spesso privo di evidenze scientifiche".

Questi integratori che drenano i liquidi in eccesso, potenziano i muscoli e aumentano la resistenza fisica sono disponibili ovunque e sono ora sotto accusa per i possibili danni che possono arrecare alla salute dato che può causare problemi vascolari, infarto, ipertensione, respiro corto.

L'assunzione di DMAA può rivelarsi pericolosa se consumata assieme alla caffeina perché può provocare problemi cardiovascolari.

Per approfondire:

Gli integratori alimentari, a che cosa servono?

La celiachia

Colesterolo: cause, sintomi, diagnosi e cura

Indice Glicemico per gli alimenti

Le diete dimagranti

Alimentazione

Reflusso gastroesofageo: sintomi, cause e cura

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo