Donne obese e approccio medico


SOFIA, Bulgaria - Una nuova ricerca di quasi 700 professionisti dell'assistenza sanitaria in un grande ospedale universitario tedesco specializzato nella ricerca e cura dell'obesità ha riscontrato che quasi il 60% del personale esprimeva attitudini negative verso questa condizione, una cifra non dissimile da quella riscontrata fra la gente in genere.

"Ci aspettavamo che i professionisti dell'assistenza sanitaria avrebbero avuto una migliore comprensione delle cause dell'obesità, ma non era vero," ha detto la psicologa Claudia Sikorski, medico dell'università Leipzig in Germania al Congresso Europeo sull'Obesità a Sofia la settimana scorsa.

Richiesto di commentare i risultati, lo psicologo Jason Halford, medico dell'università di Liverpool nel Regno Unito e presidente dell'associazione britannica per lo studio dell'obesità, ha detto, "Non dovremmo essere sorpresi. I medici e altri professionisti dell'assistenza sanitaria non sono diversi da qualsiasi altra parte della società – gli atteggiamenti negativi verso l'obesità persistono."

La ricerca ha mostrato "che le persone obese ricevono un trattamento più rude di qualsiasi altro paziente la cui condizione è connessa al comportamento, inclusi i drogati e le persone con infezione HIV. I medici tendono a vederli con meno gentilezza," ha notato il Dr. Halford. E questo nonostante il fatto che "la maggior parte della popolazione adulta è essa stessa sovrappeso o obesa, inclusi questi professionisti dell'assistenza sanitaria, quindi c'è un altro paradosso."

La Dottoressa Sikorski dice che i suoi risultati indicano che i medici, gli infermieri e i terapisti dovrebbero ricevere una formazione su "lo stigma del peso"; compara la situazione a quella del counseling per smettere di fumare. "Non è stato il biasimo che ha aiutato i fumatori a smettere, ma le tasse più alte sulle sigarette, etc – cambiamenti ambientali – quindi vedo un parallelo con l'obesità. Vediamo solo il biasimo per gli individui, ma questo fa decrescere la loro salute psicologica e il loro successo."

Il Dottor Halford, che non era coinvolto in questo studio, dice che tutto si riduce a "se l'obesità è vista come una condizione legittima o come un problema o fallimento personale." Concorda con la Dottoressa Sikorskiche l'educazione per i professionisti dell'assistenza sanitaria è la via per progredire. "Il personale medico non sa davvero cosa fare con questi pazienti: non sono un tipo di popolazione con cui è facile lavorare. Quindi dobbiamo aumentare la comprensione delle cause multifattoriali dell'obesità e insegnare ai medici che ci sono modi per confrontarsi con il problema."

E' più difficile assistere i pazienti obesi?

La ricerca della Dottoressa Sikorski è stata effettuata nel 2011; a tutti i medici, infermieri e terapisti del suo ospedale di Leipzig è stato richiesto di completare un questionario che riguardava gli atteggiamenti stigmatizzanti, l'impatto dell'obesità legato al lavoro e le cause percepite.

Hanno ottenuto una media di risposte del 39%, con 682 persone che hanno risposto al questionario. Approssimativamente 150 dei rispondenti erano medici (tutte le specialità), 150 erano infermieri e il resto erano terapisti.

Per la parte della ricerca sugli atteggiamenti stigmatizzanti, era stato chiesto agli interrogati di immaginare una paziente femmina di 42 anni, con un indice di massa corporea di 32, e gli era stato chiesto di caratterizzare questa paziente usando 14 aggettivi opposti dalla Scala di Fobia al Grasso, per esempio, "pigra" o "diligente".

"Abbiamo scoperto che il personaggio dell'obesa era considerato molto più negativamente di quello di peso normale, in tutte le coppie di aggettivi", ha detto la Dottoressa Sikorski.

Rispetto all'impatto dell'obesità nei confronti del lavoro con questi pazienti, solo il 25% dei rispondenti ha definito l'attuale cura sanitaria dei pazienti obesi come "buona" o "molto buona".

Il 63% degli interrogati ha convenuto "in qualche modo" o "molto" che era difficile ottenere le risorse necessarie per l'assistenza ai pazienti obesi – per esempio ottenere accesso a strumenti specializzati.

Il Dottor Halford però ha detto che non crede che questa sia una legittima ragione per chiamare in causa difficoltà legate al lavoro, perché la strumentazione specialistica per pazienti obesi è largamente disponibile in tutta Europa da molti anni.

Scarsa comprensione della complessità dell'obesità fra i medici

Per le cause percepite dell'obesità, i rispondenti hanno detto per lo più che la donna obesa nella vignetta "aveva troppo poca volontà o semplicemente mangiava troppo o faceva troppo poco esercizio", ha spiegato la Dottoressa Sikorski. Le cause genetiche o "l'ambiente obesogenico" non erano viste come importanti; i professionisti dell'assistenza sanitaria "erano molto più inclini a biasimare l'individuo", ha notato.

Mentre è stato possibile identificare pochi segnali che facciano prevedere atteggiamenti negativi con analisi multivariate, uno era indicativo ed era "anni di pratica".

"Più esperto è il professionista, meno negativo è l'atteggiamento verso i pazienti", ha osservato. E "quando le persone sostengono cause biomediche per l'obesità, mostrano atteggiamenti meno negativi", ha aggiunto, notando anche che il personale infermieristico ha concordato sull'obesità come malattia in modo molto maggiore dei medici.

Questa stigmatizzazione del peso ha delle implicazioni, ha sottolineato la Dottoressa Sikorski. Può per esempio sfociare in aggressioni verso i pazienti obesi. "Ci sono state segnalazioni di comportamento ostile e ci possono anche essere casi di negligenza. Sono cose che succedono quando le persone percepiscono i loro pazienti solo come un peso", ha detto.

Se pensate a un dottore che pensa sia colpa della persona se è obesa, cosa raccomanderà a questa persona? 'Deve solo mangiare meno e fare più esercizio?' Questo può portare a tentativi frustranti di perdere peso negli individui obesi".

Pur ammettendo che questi consigli sullo stile di vita devono essere dati, dice che i medici hanno bisogno "di avere obiettivi realistici per il paziente" e riconosce che questa è una capacità che si acquisisce.

Il Dottor Halford ha detto: "L'obesità deve essere discussa, ma si devono affrontare le cose in modo positivo, dando ai pazienti qualche approfondimento del loro problema e aiutandoli a sviluppare strategie per affrontare il loro super consumo e scarsa attività."

Necessità di Educazione Medica

Sia il Dottor Halford che la Dottoressa Sikorski credono che educare i professionisti dell'assistenza sanitaria sullo stigma del peso sia il modo logico per andare avanti.

La Dottoressa Sikorski suggerisce che si potrebbe introdurre un corso per professionisti dell'assistenza sanitaria e da insegnare nelle scuole mediche "per spiegare la complessità delle cause dell'obesità per aiutare a ridurre questi atteggiamenti negativi e indurre empatia con i pazienti obesi."

Dice che il suo gruppo ha testato un breve seminario fra gli studenti di medicina, in cui hanno invitato un paziente obeso e gli studenti hanno intervistato il paziente e ascoltato le sue esperienze.

Data l'epidemia mondiale di obesità e il fatto che l'obesità è ora classificata come una malattia dall'Associazione Medica Americana, "non lo si insegna quanto si dovrebbe" osserva, aggiungendo, "I colleghi meno esperti necessitano di più supporto e guida nell'assistere questi pazienti."

2014 Congresso Europeo sull'Obesità. Estratto TS:OS2.3, presentato il 30 maggio 2014

IN ARGOMENTO:

Obesità, il medico la curi come una malattia

Obesità, cos'è e come si affronta. Quando si è obesi o in sovrappeso

La celiachia

Colesterolo: cause, sintomi, diagnosi e cura

Indice Glicemico per gli alimenti

Le diete dimagranti

Alimentazione

Reflusso gastroesofageo: sintomi, cause e cura

Giugno 2014

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo