Aborto, una ciclica ossessione


Dispiace dirlo, pare esagerato o indelicato, ma l'avversione verso la legge che sancisce per le donne il diritto di decidere se il proprio corpo e la propria psiche (anima') sono pronti per il difficile compito di dare la vita e poi crescere ed educare un essere umano, è diventata una forma ossessiva, un tormentone di centrodestra che da trent'anni, come una malattia nervosa, minaccia l'equilibrio della nostra società.

A ogni cambio di stagione politica qualcuno la estrae, la legge 194, dal panierino delle nostre, non poi così numerose, conquiste di civiltà e prova a buttarla nella grande discarica dei nostri fallimenti.

Proprio là dove giacciono buone regole per accedere alla procreazione assistita, ovvie estensioni dei diritti civili a omosessuali e coppie di fatto, licenza di non essere sottoposti ad accanimento terapeutico, permesso di porre fine alla propria vita qualora condizioni disperate rendano questa decisione necessaria.

Come mai' Che cos'ha di così terribile il principio tanto semplice che sta alla base della legge per l'interruzione di gravidanza'.

Proviamo a ripeterlo per la milionesima volta: le donne e soltanto le donne, in quanto tocca a loro prestare carne e sangue alla procreazione, possono valutare se portare a termine o no una gravidanza. Lo faranno con coscienza, cercheranno in tutti i modi di non doversi avvalere del diritto d'aborto, ma devono sapere che possono farlo.

Non sono macchine, sono persone. Non sono proprietà né della Chiesa né dello Stato, sono libere cittadine, le donne. Sanno bene che saranno loro e i loro figli a pagare per tutta la vita un errore di valutazione.

Il mondo è pieno di infelici, ne volete degli altri' Volete altri neonati avvolti nel cellophan e abbandonati a morire di freddo nei cassonetti dell'immondizia' No, naturalmente. Voi volete delle belle famiglie, coese e responsabili, dove circolino affetto e cura.

Le volete voi, cari avversari della nostra buona legge 194, ma le vogliamo anche noi. Noi: femministe, progressisti laici e cattolici, democratici illuminati dalla ragione e non da preconcetti e/o supersitizioni.

Che cos'è, allora, che ci divide' La diversa valutazione dell'età del feto, il fatto che per noi sia materia grezza e per voi «bambino non nato»' Oppure la diversa valutazione della madre: il fatto che per noi sia una persona e per voi un divino strumento in cui Domineddio soffia quando gli pare i suoi ordini' Forse tutte e due le cose.

O forse nessuna delle due e l'anima dei bambini, come l'autodeterminazione della mamme, viene tirata in ballo soltanto quando serve, per il cinico gioco della politica.

Quando Giuliano Ferrara, materialista pentito, assimila la pena di morte, barbarico residuo di culture precivili, all'interruzione di gravidanza, il sospetto dell'uso strumentale di un dilemma etico si rafforza.

Quando Papa Ratzinger definisce l'aborto «un delitto abominevole» si sente risuonare sinistra l'antica crudeltà della Chiesa, quella che metteva certe donne al rogo con l'accusa di stregoneria, che torturava e ammazzava in nome dell'amore di Cristo chiunque le si opponesse, chiunque credesse ad altro o avesse l'umiltà di non credere a niente di non dimostrabile, o osasse coltivare l'intelligenza del dubbio.

Delitto abominevole: che insulto per le donne che non ce l'hanno fatta a prendersi la responsabilità d'essere madri!

Le troppo giovani, le troppo fragili, le malate, le instabili, le abbandonate, le troppo povere. Ma non si prova vergogna a chiamarle assassine' È veramente difficile, con tutta la buona volontà, mantenere aperto un dialogo con i cattolici, quando il loro Pastore Massimo si esprime con frasi così dure.

È difficile e forse c'è chi non lo vuole veramente. Non lo vuole Ratzinger che continua a rifilare le sue scomuniche 'urbi et orbi' come se tutta la società italiana facesse parte della sua Ecclesia.

Non lo vuole Ruini, non lo vuole Giuliano Ferrara, il neofita entusiasta. Non lo vogliono quelli che non rispettano la libertà di coscienza e pretendono di imporre la loro fede come se fosse l'unica visione del mondo accettabile.

Non lo vuole chi ritorna, ciclicamente, instancabilmente, a mettere in discussione tutte le battaglie vinte trent'anni fa (quando ancora avevamo la forza di vincere qualche battaglia) nel tentativo di adeguare l'Italia ad altri «Paesi avanzati», dove si può divorziare, procreare con l'aiuto della scienza o non procreare con il permesso dello Stato, sposarsi anche se si è pastori d'anime, pagare le tasse per il bene di tutti, sostenere i più deboli con le tasse dei più ricchi, farsi una famiglia anche se ci si ama fra persone dello stesso sesso e così via.

Cari lettori de l'Unità, e cari anche voi che leggete l'Unità solo per criticarla, confesso che questo ritorno di crociata antiabortista, mi ha messo addosso una certa tristezza e, oltre alla tristezza, anche una gran paura.

Ho paura per il Partito Democratico, quel coraggioso tentativo di mettere insieme, per una volta, cattolici e laici, credenti e non credenti, quelli del Vangelo e quelli dell'utopia di una società libera ed egualitaria.

Ho paura che non ce la facciano. Scusate: che non ce la «facciamo». Noi, laici di buona volontà e loro, cattolici capaci di rispettare la libertà di tutti.

ABORTO:

Pubblicato sull'Unità del 3 gennaio 2008

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Orari e servizi offerti