Difesa, niente arruolamento per i contagiati da Hiv


Richiesto a tutti i candidati il test Hiv negativo, anche per l'Arma dei Carabinieri. A renderlo noto è la Lega Italiana per la lotta contro l'Aids (Lila).

difesa bandi hiv

In tutti i bandi del ministro della Difesa è richiesto un test che provi che il candidato non sia positivo al virus Hiv. La Lila ha denunciato quest'obbligo definendolo " una grave forma di discriminazione nei confronti delle persone con l'Hiv".

"Viene richiesto anche ai sedicenni", dicono gli esponenti della Lila. Porte chiuse per tutte le mansioni a chi è contagiato, dal suonare uno strumento alle gare di nuoto.

Sono diverse le segnalazioni ricevute dall'associazione che hanno indotto i responsabili ad agire. Persone non malate di Aids e che convivono con l'Hiv, in buona salute e forma fisica. " Consapevoli non solo del proprio stato ma anche dei propri diritti, primo fra tutti quello alla non discriminazione".

La Lila ha inoltre reso noto che da diversi mesi è stata depositata in Parlamento un'interrogazione radicale che chiede spiegazioni sui bandi che prevedono l'obbligo di presentare il test negativo, ma nessuna risposta è ancora pervenuta dal ministro.

I problemi non sembrano fermarsi solo alle persone contagiate da Hiv, anche le donne in gravidanza che si candidano si trovano di fronte a delle difficoltà.

La presentazione ad un concorso è subordinata ad una serie di controlli medici. Sono richiesti, oltre al test Hiv, anche una ecografia pelvica, i test per l'epatite B e C è una radiografia al torace.

Vi sono alcuni concorsi, come quello per essere accettati alla scuola per allievi marescialli dei Carabinieri, in cui è richiesto il test di gravidanza.

AIDS - Infezione da HIV Le donne rischiano di più

6 luglio 2012

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Orari e servizi offerti