Scambiato per uno spacciatore, ragazzo autistico arrestato, narcotizzato e radiografato


A Verona il caso di un diciannovenne autistico, il suo medico curante ha denunciato che è stato narcotizzato senza autorizzazione dopo che la polizia lo aveva scambiato per uno spacciatore.

Ragazzo autistico scambiato per spacciatore

L'avevano notato perché vagava smarrito nel parcheggio di un grande supermercato. Difficile non notare Pierre, 19 anni, alto quasi 2 metri, la pelle scura.

Forse a insospettire gli agenti è stato proprio quel disagio, quel disorientamento che è stato scambiato per paura.

Una pattuglia della polizia lo ha fermato, le solite domande di rito e l'identificazione. Da parte del ragazzo nessuna reazione, uno sguardo assente e impaurito.

Pierre non rispondeva perché lui non parla, è autistico a causa, come dice suo medico, delle vaccinazioni fatte da bambino.

Il ragazzo è nato a Verona, è il secondo dei quattro fratelli. I suoi genitori sono arrivati in Italia trent'anni fa. Il padre della Costa d'Avorio è psicologo, ma a Verona fa il panettiere. La mamma è del Cameroun.

Pierre quel mattino di settembre era supermercato con la mamma, di colpo è uscito per cercare un bagno, ma è stato scambiato per uno spacciatore.

L'hanno portato al pronto soccorso, radiografia del torace e all'addome. Tutto per scoprire l'esistenza di quei presunti ovuli contenenti droga, e per capire il perché di tanta riluttanza.

Nel frattempo i genitori disperati lo cercavano ovunque. Quando sono venuti a sapere che era ricoverato sono corsi in ospedale a Verona. L'hanno trovato in corsia, narcotizzato e con un ago nel braccio.

Riportato a casa sotto choc, lo è ancora. Ha paura non vuole uscire, anni e anni di terapia buttati.

Il medico che lo tiene in cura ha raccontato a Repubblica tv che "Il ragazzo non comunica, è terrorizzato. E' un ragazzo che seguono molti anni con molta difficoltà insieme al gruppo di volontariato perché i genitori sono persone per bene ma con difficoltà economiche. Abbiamo lavorato tanto per avere un rapporto con lui, aveva fiducia verso alcuni medici, quando lo visitavo non avevo il camice, proprio per evitare il terrore che questi ragazzi hanno".

La famiglia ora ha deciso di denunciare medici e poliziotti.

13 ottobre 2012

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582