Eutanasia, Riccio agì in presenza di un dovere giuridico


Il medico Mario Riccio, che assistette Piergiorgio Welby nelle ore precedenti la morte avvenuta la sera del 20 dicembre dopo che lo stesso Riccio, anestesista, aveva staccato il ventilatore polmonare, è stato prosciolto dall'accusa di omicidio del consenziente "perché ha agito alla presenza di un dovere giuridico che ne discrimina l'illiceità  della condotta causativa della morte altrui e si può affermare che egli ha posto in essere tale condotta dopo aver verificato la presenza di tutte quelle condizioni che hanno legittimato l'esercizio del diritto da parte della vittima di sottrarsi ad un trattamento non voluto".
E' quanto afferma il giudice Zaira Secchi, che accogliendo la richiesta della stessa Procura della Repubblica il 23 luglio scorso prosciolse Riccio che aveva interrotto il movimento della apparecchiatura che teneva in vita Welby.

Il magistrato, in un documento di 60 pagine, ha esposto una serie di ragionamenti e di circostanze che l'hanno portato poi a concludere la vicenda appunto con l'assoluzione di Riccio.

Nella parte della motivazione, a proposito del rifiuto di Welby di continuare a vivere in quelle condizioni, rileva che "la condotta di colui che rifiuta una terapia salvavita costituisce l'esercizio di un diritto soggettivo riconosciutogli in ottemperanza al divieto di trattamenti sanitari coatti sancito dalla Costituzione".

Pagina pubblicata il 19 ottobre 2007

Pubblicità

Argomenti Correlati

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582