La politica come diritto per le donne


Sabato 19 maggio a Roma si costituisce il 'Consiglio delle Donne 50E50 ovunque si decide' e la campagna entra nel vivo

Tiziana Bartolini

Ben oltre l'idea di 'quote', la richiesta per una maggior presenza nelle sedi decisionali passa attraverso l'autodeterminazione, valore simbolico su cui le donne hanno prodotto grandi trasformazioni anche sociali.

Dunque si parte! La mattina del 10 maggio il Comitato promotore deposita in Cancelleria il Titolo della Proposta di legge di iniziativa popolare 'Norme di Democrazia Paritaria per le Assemblee elettive', che costituisce il primo adempimento formale per la 'Campagna 50E50 ovunque si decide'.

Un sit-in in Piazza Cavour davanti alla Cassazione quindi la presentazione della Campagna alle/ai parlamentari, anche in vista della discussione sulla legge elettorale, sanciscono il via dell'iniziativa dell'Udi.

L'altro appuntamento da non perdere per chi ha intenzione di seguire il percorso e di esserne parte attiva è per sabato 19 maggio, sempre a Roma, nella sede nazionale dell'Udi, dove sarà  ufficialmente costituito il 'Consiglio delle Donne 50E50 ovunque si decide' composto da donne dell'Udi e da quante in questa fase si sono rese disponibili.

L'Autoconvocazione nazionale dell'UDI, già  fissata per il 19 e 20 maggio, è un evento aperto a tutte le donne che vogliono condividere questo cammino.

"Il 'Consiglio delle Donne 50E50 ovunque si decide' non sarà  la sommatoria delle rappresentanze - precisano dall'Udi -, ma uno spazio condiviso con le altre, quindi non è necessario riprodurlo automaticamente nelle sedi locali, ma solo dove le condizioni politiche lo permettono". Infatti, precisano, "il consenso e l'appoggio delle altre sarà  significativo, non solo per la raccolta delle firme, ma anche per la tenuta nel tempo del dibattito e del confronto tra le donne e con gli uomini".

Un sito, www.50e50.it, pubblica l'articolato, tutti i materiali informativi e gli aggiornamenti. Gli obiettivi della campagna 50E50 erano già  stati oggetto di analisi e dibattito in un incontro pubblico che ha visto la nutrita partecipazione di donne da tutta Italia.

"Il problema oggi non è metà  delle donne nei partiti o nelle istituzioni, ma metà  delle donne nella politica intesa come orizzonte e linguaggio comune, affinché metà  del paese si veda garantita la possibilità  di riconoscersi nelle donne che elegge e di farsi riconoscere da loro".

Le parole di Annalisa Marino, in conclusione di quell'incontro di Roma hanno espresso il senso dell'iniziativa. "Il nostro progetto presuppone il superamento (ma non la cancellazione) di due criteri regolativi della politica delle donne, parità  e differenza, in quanto non prevede tanto un adeguamento numerico o una riformulazione strutturale quanto una modificazione della relazione politica tra i sessi, che comprende la gestione dei modelli di sviluppo della società  in campo culturale, civile ed economico".

Una vera e propria rivoluzione quella che si profila se è vero che sostenere questo percorso implica per noi donne "la necessità  di superare quella tolleranza non solidale che negli ultimi anni abbiamo spesso esercitato nei confronti di donne le cui scelte ideologiche (non certo private!) non erano rispondenti alla libertà  e alla dignità  femminile: riguardo a queste, in questo nuovo scenario, c'è la possibilità , se non addirittura la responsabilità , di esercitare uno sguardo critico, senza passare per misogine o sessiste".

Nella sfida che l'Udi lancia a livello nazionale non c'è solo, e semplicemente, il superamento del soffitto di cristallo, ma la possibilità  di attivare un dibattito da cui possono scaturire "scenari inediti in cui praticare una nuova frontalità  tra donne, nel senso di possibilità  di confrontarsi, affrontarsi e fronteggiarsi con la sicurezza di non delegittimarsi reciprocamente nel diritto ad esercitare un potere".

Dall'Udi la sollecitazione è rivolta a tutte le donne che fossero interessate ad avviare i Centri di raccolta, che saranno strumenti operativi e dovranno coordinarsi attraverso la Sede nazionale indicando almeno due responsabili, l'indirizzo e i riferimenti telefonici o per posta scrivendo a Udi Nazionale via Arco di Parma 15 - 00186 Roma, oppure all'indirizzo mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

www.noidonne.org


Pagina pubblicata il 15 maggio 2007

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

La gravidanza

Sei incinta o vuoi avere un bambino? Visita la nostra guida alla gravidanza

Primi sintomi della gravidanza, sono incinta?

Periodo fertile, come calcolare l'ovulazione

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo