La famiglia di fronte alla crisi del welfare


Lo studio Eurispes - Federcasalinghe

(Roma) «Per primi lanciammo un segnale d'allarme nell'agosto del 2002 denunciando un'inflazione galoppante all'8% ' ha dichiarato ieri il Prof. Gian Maria Fara, Presidente dell'Eurispes, che insieme alla Federcasalinghe ha realizzato e presentato ieri nella sede dell'Eurispes lo studio'Problemi di famiglia ' Senza rete: la famiglia di fronte alla crisi del welfare .

Subimmo per questo dure critiche e contestazioni da parte del governo di allora. Ma per noi l'inflazione non è né di centro destra né di centro sinistra. E i nostri dati si sono rivelati esatti. Oggi, a distanza di cinque anni, segnaliamo nuovamente, sperando in una maggiore capacità  di ascolto della politica e delle Istituzioni, che l'inflazione, dopo un periodo di stasi, sta tornando a crescere più di quanto indicato dalle statistiche ufficiali.

Sono sempre più numerose le segnalazioni che riceviamo dai cittadini, che confermano una condizione di disagio diffuso, e ci sollecitano a riprendere i temi del costo della vita e dell'impoverimento delle famiglie. Ne sono un chiaro indicatore le notizie che ci giungono dal territorio, dove le nostre sedi sono in stretto contatto con la rete della Caritas. Aumentano coloro che usufruiscono delle mense: sempre meno immigrati, sempre più italiani.

Aumenta anche la consegna dei pasti a domicilio. Tutti segnali di una povertà  che mostra un suo pudore. Insomma, quella di oggi è una Italia a due economie. Una economia delle famiglie ed una economia delle imprese.

Da un lato, si assiste alla crescita del PIL, sostenuta prevalentemente dalle esportazioni e non dai consumi interni, dall'altra, all'assenza di redistribuzione della ricchezza prodotta alla popolazione. Manca insomma una condivisione della crescita che, per il momento, si risolve ad esclusivo vantaggio delle imprese.

E' l'Italia dei poveri in giacca e cravatta e di quanti, moltissimi tra i cittadini, si trovano a subire non più la sindrome della quarta settimana, ma quella terza settimana. In più si è verificato un indebitamento clamoroso delle famiglie per l'acquisto della casa. E anche in Italia si iniziano ad avvertire i primi segnali di disagio che si concretizzano nel fenomeno dell'insolvenza.

Occorrerebbe quindi ' conclude il Presidente ' attuare delle politiche fiscali che sposino il sistema francese basato sul quoziente familiare e quindi sulla divisione dell'imponibile per numero dei componenti». Anche dalla nostra rete sul territorio ' ha aggiunto l'on. Federica Rossi Gasparrini, Presidente di Federcasalinghe ' ci giungono continue segnalazioni del disagio e delle difficoltà  economiche vissute dalle nostre associate.

Infatti, le donne hanno il duro compito di far quadrare i conti della famiglia e devono combattere quotidianamente con un aumento dei prezzi, sottovalutato quando non ignorato dai media.

Un numero sempre crescente di famiglie è assediato da una comunicazione martellante che spinge verso un sempre maggiore indebitamento. Basti pensare che la pubblicità  delle finanziarie è aumentata del 28% negli ultimi anni ed oggi rappresenta un fenomeno sfacciato. A chiudere nella 'morsa del debito' i cittadini è intervenuta in aggiunta la normativa del 2005 relativa alle cosiddette 'ganasce fiscali' per alcuni particolari debiti (multe, bollette, etc).

Il cittadino può essere sottoposto a queste misure: da dieci a quindici euro, che è il limite minimo, si riceve un sollecito di pagamento; dai 55 euro si può arrivare al fermo dell'auto; da 500 a 2.000 euro si procede all'ipoteca della casa.

Sono 8 milioni e mezzo le casalinghe in Italia in età  lavorativa 18-65 che non hanno reddito e che nessuno vuole ascoltare. Oggi una discesa in piazza rumorosa non è più contenibile. Basti pensare che se tutte le casalinghe italiane si iscrivessero alle liste di collocamento, gli indici di disoccupazione andrebbero in tilt.

Il nostro obiettivo è quello di istituire con il Ministro del Lavoro, analogamente a quanto avviene sul tema delle pensioni, un tavolo della concertazione del lavoro familiare, valido non solo per le casalinghe a tempo pieno, ma anche per coloro che lo sono a tempo parziale».

In Approfondimenti, sul sito ' www.deltanews.it - la sintesi dello studio dell'Eurispes
(Delt@ Anno V°, N. 162 ' 163 del 13 ' 14 luglio 2007)


Pagina pubblicata il 13 luglio 2007

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

La gravidanza

Sei incinta o vuoi avere un bambino? Visita la nostra guida alla gravidanza

Primi sintomi della gravidanza, sono incinta?

Periodo fertile, come calcolare l'ovulazione

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo