Troppe differenze per le palliative


Italia a tre velocità per le cure palliative e la riabilitazione dei malati di tumore. "C'è ancora oggi una grande disparità fra Nord, Centro e Sud.

Se in alcune aree la copertura è solida, come in Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna e Toscana, restano alcune regioni 'orfane': Abruzzo, Basilicata, Puglia, Calabria, Campania e Sardegna".

Lo dice Franco De Conno, direttore dell'Associazione europea medicine palliative, commentando il 'Libro bianco sulla riabilitazione oncologica in Italia', promosso dalla Favo (Federazione italiana delle associazioni di volontariato in oncologia) e presentato ieri a Roma.

Il volume dimostra che non è tanto una questione di denaro. "Queste regioni sono rimasta orfane nonostante il finanziamento ci sia stato, attraverso la legge Bindi.

Ma per qualche motivo i fondi non sono arrivati a destinazione. Così i malati o sono costretti a spostarsi, o non sono assistiti per questi due aspetti", prosegue l'esperto.

Migrazioni e viaggi della speranza ancor più tragici, evidenzia De Conno, se si pensa a malati di cancro che hanno bisogno di fare riabilitazione mirata. E di fronte a un Sud più lento e a un Nord che corre, al Centro le cose finalmente si muovono.

Oltre al caso-Toscana, "nel Lazio ad esempio la situazione delle cure palliative è migliorata, mentre per la riabilitazione oncologica - rileva De Conno - c'è ancora da fare".

In particolare negli ultimi 10 anni "nel Lazio la situazione delle cure palliative è cambiata radicalmente, specie a Roma - sottolinea Francesco Cognetti, responsabile del Dipartimento di Oncologia dell'Istituto Nazionale Tumori Regina Elena, nella Capitale - Eravamo costretti a tenere alcuni pazienti ospedalizzati per giorni - ricorda - ora invece, grazie ad associazioni no profit e a strutture ad hoc le cose sono cambiate.

Occorre però rispondere in modo adeguato anche ai tanti che sopravvivono al tumore: c'è moltissimo da fare per la riabilitazione oncologica".

E se Antonio Tomassini (Pdl), presidente della Commissione sanità del Senato e 'padrino' del Libro bianco, ha detto che "stiamo adoperandoci in Parlamento per una legge che parli di riabilitazione e cure a 360 gradi, per vincere la sfida della qualità di vita dei malati di cancro", secondo De Conno a questo punto "è davvero essenziale che decolli finalmente il tanto atteso Piano oncologico. Perché quelle di oggi - conclude - non restino solo parole".


Pagina pubblicata il 21 ottobre 2008

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Orari e servizi offerti