Diabete, l'empatia del medico riduce le complicazioni


La ricerca è stata pubblicata nel numero di settembre di “Academic  Medicine”. Il presente studio si basa su un piccolo studio iniziato nel 2011, condotto da alcuni dei ricercatori stessi, che ha rivelato che il livello di empatia dei medici degli Stati Uniti è correlato con la capacità dei loro pazienti con diabete, a gestire la loro malattia, come misurato dai pazienti “emoglobina A1c e lipoproteine a bassa densità”.

Diabete mellito

Lo studio del 2011 ha coinvolto 29 medici di famiglia e 891 pazienti diabetici.

Questi studi sono "i primi 2 che ci rendono consapevoli che i risultati clinici tangibili dei pazienti sono in realtà legati al livello di empatia del medico", ha spiegato Daniel Z. Louis, MS, amministratore delegato del Centro di Ricerca in Educazione Medica al Jefferson Medical College di Philadelphia, Pennsylvania. Louis ha lavorato in entrambi gli studi.

"C'è la prova reale che questi pazienti con diabete mellito hanno avuto meno complicazioni, quando i loro medici erano più empatici. Louis ha detto a Medscape Medical News. "E 'incredibile", ha aggiunto.

In questo studio, i ricercatori hanno utilizzato i dati sanitari dalla ASL di Parma Regione Emilia-Romagna. Hanno studiato l'effetto dell’empatia medica su pazienti adulti con diabete mellito di tipo 1 o di tipo 2, pazienti che sono stati seguiti continuativamente per 5 anni tra il 2002 e il 2009 da un medico che ha faceva parte del Servizio Sanitario Nazionale.

Per misurare l'empatia del medico, i ricercatori hanno inviato ai medici uno strumento, scientificamente approvato, chiamato Scala Jefferson di empatia, o JSE. Sviluppato nel 2001 presso il Centro Jefferson Medical College di Ricerca in Educazione Medica e Sanitaria, la JSE comprende 20 voci che misurano la capacità di un operatore sanitario di capire bene il punto di vista del paziente. Disponibile in 42 lingue, il JSE è stato utilizzato sia negli Stati Uniti che a livello internazionale.

I ricercatori hanno misurato i risultati dei pazienti con diabete che sono stati ricoverati in ospedale nel 2009 per complicanze acute metaboliche come lo stato iperosmolare ed il coma. Si sono concentrati sulle complicanze metaboliche perché "[esse] possono svilupparsi abbastanza rapidamente", scrivono i ricercatori, "e la loro prevenzione ha più probabilità di essere influenzata dal medico di base, mentre le altre complicazioni sono spesso gestiti da specialisti i cui contributi specifici sono difficili da rintracciare”.

Ottantuno  dei 242 medici che hanno completato il JSE hanno avuto punteggi elevati, che vanno 112-137, che indicano un alto livello di empatia. Ottantaquattro medici hanno avuto punteggi moderati da 97 a 111, e 77 medici hanno avuto punteggi bassi, tra 49-96).

I medici punteggi elevati avevano avuto 7224 pazienti con diabete quelli con punteggi moderati 7303 pazienti con diabete, quelli con punteggi bassi avevano avuto 6434 pazienti con diabete. Dei 123 pazienti ricoverati in ospedale con gravi complicanze metaboliche nel 2009, la percentuale di complicanze per 1000 pazienti era significativamente più bassa per i pazienti di medici con punteggi elevati (4.0) che per i quelli della fascia  moderata e bassa (7.1 e 6.5, rispettivamente).

Questi risultati provocano interesse per altri studi

Questo studio è stato ben fatto e sposta il campo in avanti", ha detto Kathryn I. Pollak, PhD, professore associato per la prevenzione del cancro, il rilevamento ed il programma di controllo presso il Cancer Institute di Duke a Durham, North Carolina. Egli ha citato le grandi dimensioni del campione e l'alto tasso di risposta, 80%, tra i medici invitati a fare il JSE.

Dr. Pollak ha detto a Medscape Medical News che gli autori, per varie ragioni, non hanno il controllo di alcuni fattori clinici che possono influenzare le complicanze della malattia. "Potrebbe essere che gli autori non erano in grado di considerare altre misure, in quanto i dati non sono stati raccolti", ha scritto in una e-mail, "ma è possibile (anche se improbabile) che i pazienti che erano malati siano stati visti da medici che erano meno in grado di essere empatici. "

Lo studio è unico tra tutti gli altri studi fatti sino ad oggi sull’empatia , dato che misura come l'empatia influenza i risultati clinici dei pazienti, ha detto Richard C. Wender, MD, presidente del Dipartimento di Medicina di Famiglia e di Comunità a Jefferson University Hospitals.

Il dr. Wender, invece, ha detto a Medscape Medical News che l'empatia del medico potrebbe non essere così influente come lo studio sembra dimostrare. Anche se pensa che sia ragionevole collegare l’empatia del medico con i risultati clinici dei pazienti, non è ancora chiaro se "ciò che il medico fa o non fa in un particolare paziente abbia una forte capacità di determinare o meno che una complicanza metabolica acuta si verifichi", ha detto.

Il dr. Wender inoltre ha raccomandato lo studio dell'empatia anche in altre popolazioni di pazienti che hanno una relazione a lungo termine con un medico, come i pazienti sottoposti a dialisi o i pazienti con cancro.

Il dottor Pollak ha suggerito studiare l'effetto dell’ empatia del medico anche  sulla sopravvivenza dei pazienti affetti da cancro.

Il Dr. Wender ha detto che gli  piacerebbe vedere studi anche su come l'empatia del  medico modifica la volontà del paziente di proseguire  cure preventive, come lo screening per il tumore.

IN ARGOMENTO:

Dieta per il diabete mellito

Diabete, diminuire il peso per prevenire il diabete

Diabete: alimentazione, diete e attività fisica

Diabete gestazionale

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Orari e servizi offerti