Tumori, l'immunoterapia è un'alleata nella lotta al cancro


La rivista Science nel suo numero di dicembre centra la sua attenzione sul fatto che quest'anno segna un punto di svolta nella lotta al cancro. Gli sforzi, fino ad oggi fatti, per scatenare il sistema immunitario contro i tumori stanno dando i loro frutti, anche se il futuro ha ancora molti punti interrogativi.

Immunoterapia contro i tumori

Science si pone alcune domande riguardanti la immunoterapia e ci chiede se si stia rischiando troppo pubblicizzando un approccio terapeutico il cui impatto finale rimane sconosciuto.

Se in realtà non siamo irresponsabili parlando di una svolta rispetto ad una strategia che ha interessato una minuscola frazione dei malati di cancro e ha dato un contributo effettivo solo ad alcuni di essi.

Ed infine Science si chiede "che cosa intendiamo quando chiamiamo qualcosa una svolta?

Alla fine della sua analisi, conclude Science, l'uso della immunoterapia per combattere il cancro passa il test, e lo fa perché quest'anno gli studi clinici hanno cementato il suo potenziale nei pazienti ed hanno iniziato a modificare le posizioni degli scettici.

Ma cosa è l'immunoterapia?

E' una tecnica per addestrare il nostro sistema immunitario ad attaccare il tumore che è in noi ed in questo modo essa si pone come la quarta arma in nostro possesso nella lotta contro il cancro dopo la chirurgia, la chemioterapia e la radioterapia.

La storia della immunoterapia come elemento fondamentale nella lotta al cancro ha inizio dagli esperimenti e dagli studi di un immunologo, James Allison, ora presso l'Università del Texas Anderson Cancer Center di Houston.

Allison era partito dagli studi dei ricercatori francesi alla fine del 1980, i quali durante uno studio, non focalizzato sul cancro, identificarono una nuova proteina recettore sulla superficie delle cellule T, chiamata CTLA-4.

Allison scoprì che la CTLA-4  frenava l'attività delle cellule T, ed impediva loro di lanciare attacchi immunitari full-out. Si chiese se bloccando la molecola CTLA-4 sarebbe stato possibile impostare il sistema immunitario in maniera che fosse  "libero" di distruggere il cancro.

L'idea di Allison è stata ormai lungamente testata, ed il suo approccio ha definitivamente cambiato la conversazione e le parole di un ricercatore sul cancro, facendogli considerare l'immunosoppressione come un  punto focale, e la manipolazione della immunosoppressione come obiettivo.

Le storie di incredibili successi avuti nella lotta ai tumori sono sempre di più, come quella di una  donna che aveva un tumore, il melanoma, ed una replica grande come un pompelmo nel suo polmone, ed essa è viva e sana dopo 13 anni.

Ma anche quella del bambino di 6 anni arrivato vicino alla morte per una leucemia, ed ora, in terza elementare, è in remissione, o infine  l'uomo con il cancro del rene metastatico la cui malattia è scomparsa totalmente dopo il trattamento con la immunosoppressione.

La battaglia contro il tumore, secondo Science, non  diventerà il "Vietnam della Scienza".

Sono passati più di 40 anni da quando il presidente americano Richard Nixon emanò il "National Cancer ActW, che lanciava la guerra al cancro per trovare una cura potenziando e finanziando la ricerca scientifica per migliorare la comprensione della biologia dei tumori e lo sviluppo di trattamenti più efficaci.

Ebbene, il cancro non è ancora stato sconfitto, ma molto abbiamo appreso in questi anni.

Non ci sono armi letali, non ci sono battaglie definitive da combattere nelle Ardenne, non c'è in realtà nemmeno una guerra secondo i canoni di Clausewitz, ma una lunga guerriglia che ci ha fatto avanzare un passetto alla volta ed adesso, se le ipotesi come la immunoterapia si trasformeranno in statistiche solide ed affidabili, avremo fatto un ulteriore ed importante passo.

IN ARGOMENTO:

L'immunologia sfida i tumori colorettali

Tumori: nuova tecnologia per sconfiggere le leucemie

Prevenzione tumori

21 dicembre 2013

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo