Vitamina D: quando serve integrare? Non è ancora chiaro


La questione, se per lo screening di routine per la carenza di vitamina D o raccomandare la supplementazione di vitamina D ad alte dosi per i pazienti, continua ad essere uno dei temi più sconcertanti nella pratica clinica, e molti medici sono alla ricerca di una guida su questi temi.

Vitamina D

Sembra che ci sia uno scollamento crescente tra gli studi osservazionali e gli studi clinici randomizzati di vitamina D.

Per esempio, gli studi osservazionali mostrano una relazione abbastanza consistente tra bassi livelli ematici di vitamina D e un aumento del rischio di malattie cardiache, cancro, diabete, e molte altre malattie croniche.

Tuttavia, gli studi clinici randomizzati di supplementazione di vitamina D, ad oggi sono stati generalmente deludenti. Questo vuol dire che quando poi somministriamo la Vitamina D, queste malattie vengono allo stesso modo.

Ci sono degli studi recenti, tra cui un'analisi di più studi a proposito della supplementazione di vitamina D, che mostrano il minimo, forse, beneficio in termini di riduzione della pressione arteriosa.

Un altro studio sulla supplementazione di vitamina D ad alte dosi che non rileva alcun evidente beneficio per la forza muscolare, la densità minerale ossea, o addirittura il rischio di cadute.

Un più recente studio, pubblicato sul New England Journal of Medicine, sulla supplementazione di vitamina D con e senza calcio, che non rileva alcun beneficio evidente nel ridurre il rischio di adenoma colorettale.

L'Istituto di Medicina (IOM) e il Preventive Services Task Force statunitense non approvano lo screening universale di routine per la carenza di vitamina D. Si consigliano inoltre assunzioni di quantità più moderate.

Ad esempio, l'OIM raccomanda 600-800 UI al giorno per gli adulti e raccomanda anche di evitare assunzioni giornaliere sopra 4000 UI, come livello di assunzione massimo tollerabile.

Tuttavia, è importante tenere a mente che queste sono le linee guida per una popolazione generalmente sana, e in nessun modo escludono una valutazione personale del medico per un paziente che può avere condizioni di salute o fattori di rischio che indicherebbero un beneficio dallo screening mirato per la carenza di vitamina D, per la supplementazione alto dosaggio.

Ad esempio, alcuni pazienti possono avere richieste più alte di vitamina D. Questo può includere i pazienti con problemi di salute delle ossa (osteoporosi, osteomalacia) o diete povere, coloro che passano un tempo insufficiente all'aperto, quelli con sindromi da malassorbimento, o coloro che assumono farmaci che possono interferire con il metabolismo della vitamina D (glucocorticoidi, farmaci anticonvulsivanti e farmaci antitubercolari ), le donne che per motivi religiosi o di costume tengono la pelle coperta.

Quindi, nel complesso, c'è un ruolo per un processo decisionale individualizzato, in termini di valutazione per carenza di vitamina D nei pazienti che hanno problemi ossei di salute o fattori di rischio particolari, e anche il trattamento con dosi più elevate di vitamina D, che possono andare al di sopra di 4000 UI al giorno nei pazienti che hanno requisiti superiori.

Nei prossimi anni, saranno completati studi su larga scala sulla supplementazione di vitamina D, anche ad alte dosi, e questi risultati saranno pubblicati. Essi contribuiranno a informare il processo decisionale clinico.

IN ARGOMENTO:

Nessun vantaggio con la somministrazione di alte dosi di vitamina D in donne in postmenopausa

12 novembre 2015

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo