Il paziente informato è una seccatura per il medico


E' in crisi il rapporto medico-paziente. E la 'colpa' è anche dei cittadini sempre più informati, che vogliono essere parte attiva nelle decisioni che riguardano la propria salute. Un atteggiamento mal sopportato dai camici bianchi.

Lo rileva il 41esimo Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese, diffuso venerdì. "Si registra - si legge nel documento - da un lato il disagio dei medici, che guardano con preoccupazione alle istanze di autonomia decisionale dei pazienti e denunciano spesso una frustrazione per lo svilimento della propria professione che si mescola - avverte - a desideri malcelati di fughe all'indietro e alla nostalgia per scenari passati in cui il sapere dell'unico 'vero' esperto della salute era indiscutibile (come emerso dalle indagini qualitative del Censis-ForumBM del 2007). Dall'altro quello dei pazienti stessi che valutano con crescente preoccupazione l'eventualità  di errori sanitari".

Il Censis ricorda che, secondo lo studio pubblicato nel gennaio 2006 da Eurobarometro, "il 97 per cento degli italiani ritiene infatti che gli errori sanitari rappresentino un problema molto o abbastanza importante nel Paese.

Un dato particolarmente significativo, specie seconfrontato con la media dei 25 Paesi della Ue, pari al 78 per cento, e ancor più sintomatico di un disagio fondamentalmente culturale laddove si osserva che l'esperienza, diretta o indiretta, di errori medici non risulta più alta in Italia che nel resto dell'Europa a 25 (è il 18 per cento degli italiani intervistati, pari alla media europea, a sottolineare di aver subito in famiglia un grave errore medico durante un ricovero ospedaliero).

Un quadro così caratterizzato - prosegue il rapporto - evidenzia chiaramente la necessità  di una riformulazione dei ruoli, nella quale la centralità  e l'insostituibilità  del sapere del medico deve necessariamente riuscire a declinarsi con il diritto dei pazientia conoscere e condividere le scelte terapeutiche".

Pagina pubblicata il 10 dicembre 2007

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo