La libertà condizionata degli artritici


La maggior parte avverte regolarmente dolore (79%), astenia (67%) e rigidità articolare (57%) nonostante la terapia in corso, mentre più della metà (51%) sente che la malattia condiziona la propria vita.

In più, un terzo crede che non si possa fare nulla per arrestare l'evoluzione del suo male. Sono i pazienti con artrite reumatoide (Ar), 586 dei quali sono stati intervistati in Europa e Canada per l'indagine 'Results from the Rheumatoid Arthritis: Insights, Strategies & Expectations' (Raise).

I risultati dell'indagine, commissionata da Schering-Plough, sono stati presentati con un poster al congresso annuale della European League Against Rheumatism (Eular) in corso a Copenhagen. Circa il 25% delle persone con artrite reumatoide attualmente in terapia con un farmaco autoiniettabile sottocutaneo - evidenzia una nota - dipende da persone conviventi o da personale sanitario per la sua terapia, mentre tra i pazienti che riescono a somministrarselo, il 24% ha riferito di provare dolore dopo l'assunzione e il 20% irritazione nel sito di iniezione. Tra coloro che si iniettano il farmaco da soli, circa il 20% ha descritto il processo per certi versi sempre difficoltoso, evidenziando la necessità - ancora spesso non soddisfatta - di dispositivi di auto somministrazione di agevole impiego e di formulazioni meno dolorose.

I pazienti, inoltre, sarebbero disponibili a provare un nuovo biologico caratterizzato da efficacia mantenuta nel tempo (76%); somministrazione mensile (75%); semplici istruzioni d'uso (69%); autoiniettore più facile da utilizzare (66%) e un minor numero di reazioni nel sito di iniezione (56%).

"I risultati dell'indagine - afferma Gerd Burmester, professore di Medicina al dipartimento di Reumatologia e Immunologia clinica presso il policlinico universitario Charité dell'università di Berlino (Germania) e membro del Raise Patient Needs Panel Steering Group - ci ricordano l'importanza della comunicazione tra medico e paziente e la necessità di ampliare la discussione, così da includere i vari aspetti legati all'artrite reumatoide, tra cui l'impatto della malattia sulla qualità di vita.

Comprendere i punti di vista e le aspettative dei pazienti può fornire ai reumatologi una valida prospettiva e aiutarci a sviluppare le nostre strategie di gestione e trattamento". 


Pagina pubblicata il 10 giugno 2009

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Orari e servizi offerti