Ancora polemiche sulla rottamazione


Cimo e Fp-Cgil hanno rilanciato il grido d'allarme sulla reintroduzione dell'emendamento che consente il pensionamento dei dirigenti con più di 60 anni.

Un provvedimento definito senza logica e che, se mantenuto, porterà a un autunno caldo.
Il Governo "non ha un minimo di coerenza sul problema pensionistico. Giovedì ha allungato la vita lavorativa delle donne (1 anno ogni 2) e di tutti i lavoratori (3 mesi ogni 5), ma tre giorni dopo ha invece ripristinato la norma che rottama gli statali dopo 40 anni contributivi".

Stefano Biasioli, presidente nazionale Cimo-Asmd, punta il dito contro le ultime decisione dell'esecutivo sul fronte pensionistico.

"Per la terza volta in 12 mesi - ricorda - ricompare la rottamazione dei medici con 58-60 anni. Manderanno così in pensione professionisti ancora giovani e valenti, per la formazione dei quali lo Stato ha però speso milioni di euro. Come al solito, perché siamo in Italia - incalza - si salvano le lobby di magistrati, professori universitari e primari. Per queste categorie non vale né la genetica né la regola pensionistica comune".

Sulla stessa linea anche la Fp-Cgil: "Lo stesso testo già bocciato qualche settimana fa dall'Aula della Camera, con una perfidia in più: la validità dei preavvisi di prepensionamento antecedenti alla cancellazione della precedente norma". A parlare, per mezzo di una nota è Massimo Cozza, segretario nazionale Fp Cgil medici.

"Un medico pubblico - spiega Cozza - potrà essere prepensionato obbligatoriamente a 59 anni, in quanto spesso ha riscattato 10 anni tra laurea e specializzazione. Il ministro Brunetta, sempre a 59 anni, rimarrà tranquillamente al suo posto di professore universitario, categoria esclusa dalla rottamazione come i magistrati e i dirigenti medici di struttura complessa. I cittadini - chiosa - sapranno giudicare".


Pagina pubblicata il 19 luglio 2009

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Orari e servizi offerti