Snami chiede chiarimenti sulla privacy


Il Sindacato nazionale autonomo medici italiani (Snami) annuncia di avere "inviato una richiesta di chiarimenti al Garante della privacy", Francesco Pizzetti, in merito all'"articolo 19 del nuovo Accordo collettivo nazionale della medicina del territorio, firmato nei mesi scorsi da tutte le organizzazioni sindacali.

Tale articolo, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale l'8 settembre scorso - spiega in una nota il presidente del sindacato, Mauro Martini - riguarda il cosiddetto 'Flusso informativo', ovvero un insieme di notizie che riguardano il paziente, quindi strettamente personali, che il medico deve trasmettere all'azienda sanitaria". Informazioni su "ricoveri, accessi allo studio con o senza visita, visite domiciliari, prestazioni professionali, visite in assistenza domiciliare programmata e integrata - elenca Martini - tutte inerenti al singolo caso, circostanziate con giorno, mese e anno e inviate entro il decimo giorno del mese successivo". Ma "alla luce delle nuove 'Linee guida in tema di Fascicolo sanitario elettronico e di dossier sanitario' dell'11 agosto 2009, pubblicate dal Garante per la protezione dei dati personali - evidenzia il presidente Snami - il nostro sindacato pone il dubbio se il medico di medicina generale debba richiedere autorizzazione al paziente per ogni singola trasmissione prevista dall'articolo in oggetto".

Secondo Martini, "ci si deve rendere conto che, in questa maniera, il lavoro clinico-assistenziale del medico di medicina generale subirà uno stop, poiché prevediamo che l'invio all'azienda sanitaria di tali dati, con eventuale autorizzazione singola da parte dei pazienti, costerà diverso tempo. Il medico di medicina generale ha decine di contatti al giorno con pazienti per visite ambulatoriali o domiciliari per le trascrizioni per le ricettazioni di farmaci e per la specialistica e tutta la burocrazia annessa (note Aifa, piani terapeutici, circolari quotidiane, eccetera).

Con tale obbligo - chiude Martini - si creerebbe un empasse incredibile a scapito della qualità del servizio nei confronti del cittadino paziente". Rivolgendosi al Garante, infine, Snami intende anche "tutelare i dati sensibili (come visite e ricoveri 'con diagnosi') dei nostri pazienti".


Pagina pubblicata il 29 settembre 2009

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Orari e servizi offerti