L'informazione del malato oncologico


I loro diritti (61%), la dieta da seguire (29%), le strutture oncologiche a cui rivolgersi (9%). Sono i temi su cui i malati di cancro vogliono avere più informazioni, secondo un'indagine che ha coinvolto 3.888 persone (66% donne e 34% uomini), condotta dall'Associazione italiana malati di cancro (Aimac) con l'Istituto superiore di sanità (Iss), gli Irccs oncologici e i maggiori centri universitari e ospedalieri, per un progetto finanziato da 'Alleanza contro il cancro'.

I risultati sono stati presentati ieri a Roma in occasione del convegno nazionale 'Parlare con i malati di cancro'. Donna, laureata o diplomata, tra i 50 e i 70 anni: è questo l'identikit di chi si rivolge ai 25 punti informativi ospedalieri italiani, sportelli attivi dal 2006 dove i pazienti oncologici e i familiari possono richiedere consigli e approfondimenti sulla malattia. Il 35% degli intervistati giunge al punto informativo grazie alla diffusione interna di poster e depliant, il 7% con indicazioni da parte dei volontari, il 5% inviato da altri pazienti e il 4% da psicologi. Solo per il 3% il suggerimento arriva dai medici. "Questi dati - sottolinea Francesco De Lorenzo, presidente dell'Aimac - indicano che gli obiettivi strategici di questo progetto non sono ancora condivisi nella cultura ospedaliera italiana. Ed è tanto più significativo se si considera la superiorità numerica e il tempo a contatto con i malati da parte di medici e infermieri, rispetto a psicologi e volontari".

De Lorenzo sollecita "un maggior coinvolgimento dell'equipe oncologica nel percorso di orientamento: solo così si può garantire una migliore assistenza, di cui l'informazione è a tutti gli effetti parte integrante. Auspichiamo quindi che questi sportelli, dedicati al paziente e alla famiglia - conclude - vengano sempre più considerati come un'opportunità di crescita per le relazione e il benessere emotivo di tutti quanti si trovano a dover affrontare l'esperienza di un tumore".

"L'informazione - afferma Enrico Garaci, presidente dell'Iss - è una vera e propria medicina per i pazienti, tanto più in presenza delle indicazioni spesso contraddittorie con cui devono avere a che fare ogni giorno. Noi abbiamo intercettato questa esigenza e speriamo che serva anche a migliorare il rapporto con i medici". 

Pagina pubblicata il 04 novembre 2009

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo