Amsi, in Calabria torni la normalità


Un appello perché si cerchino soluzioni adeguate a tutte le situazioni di disagio in cui si trovano molti immigrati, anche per garantire la tranquillità e la sicurezza ai cittadini italiani e di origine straniera, oltre alla pacifica convivenza.

A lanciarlo l'Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi) che esprime preoccupazione per ciò che sta accadendo in Calabria, a Rosarno, e sottolinea "l'importanza di puntare su un'immigrazione programmata e qualificata ed il diritto al lavoro regolare per tutti". 

L'Amsi ribadisce inoltre la necessità di puntare su un "un pacchetto integrazione" per la sanità come per tutti gli altri temi che riguardano l'immigrazione. Per il presidente dell'associazione, Foad Aodi, è necessario infatti mettere a punto un progetto condiviso da comunità straniere, cittadini e associazioni italiane e di origine straniera impegnati nel mondo dell'immigrazione.

Per questo invita tutti quelli che vogliono collaborare a inviare via mail (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) proposte che riguardano i diversi temi dell'immigrazione, non solo sanitari: integrazione, cittadinanza, cooperazione internazionale, sanità, scuola, università, lavoro, diritti e doveri , comunicazione, dialogo inter-religioso, medicina e religione, legislazione. 

Alcune proposte sono state già avanzate dall'Amsi in questi anni alle istituzioni.

Eccone qualcuna:
1) Riduzione a 5 degli anni per la richiesta della cittadinanza italiana e concessione del voto amministrativo agli immigrati;
2) Diritto alla salute e allo studio per tutti;
3) Diritto a partecipare ai concorsi senza cittadinanza italiana per chi lavora da 5 anni in Italia;
4) Diritto al lavoro regolare;
5) Censimento del fabbisogno di operatori sanitari nel servizio sanitario italiano;
6) Inserimento dell'atto della circoncisione come prestazione nel Ssn;
7) Campagne di comunicazione ed informazione sull'accesso degli stranieri al Ssn;
8) Insegnamento della lingua, cultura e legislazione italiana;
9) Insegnamento della storia delle religioni;
10) Intensificare le campagne della conoscenza culturale per sconfiggere i pregiudizi e la paura del diverso tramite tv e giornali;
11) Intensificare la cooperazione internazionale e lo scambio socio-sanitario con l'Italia ed i nostri Paesi di origine; 12) Intensificare gli accordi bilaterali con i paesi di origine in materia di immigrazione.

 

Pagina pubblicata il 11 gennaio 2010

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo