Primi casi italiani di donazioni "samaritane"


Donare un organo a un estraneo per pura generosità, senza che vi sia un legame sanguineo o affettivo con il malato che ne ha bisogno. E senza alcun interesse economico alla base del gesto, completamente gratuito.

Gli addetti ai lavori battezzano 'donatori samaritani' le persone che scelgono di regalare un organo a un malato. Un fenomeno nuovo, su cui si apre un dibattito anche in Italia.  Nella Penisola si sono registrati infatti i primi tre casi - due in Lombardia e uno in Piemonte - destinati a sollevare interrogativi anche da parte degli esperti del settore.

La normativa italiana in materia di trapianti, se da un lato vieta ogni forma di vendita degli organi e dall'altro consente la donazione da vivi solo tra consaguinei o persone strette da un legame affettivo, «va interpretata per comprendere il da farsi sui cosiddetti donatori 'samaritani'», spiega all'AdnKronos salute Alessandro Nanni Costa, direttore del Centro nazionale trapianti.
La questione «è già stata posta all'ufficio legale del ministero della Salute». Mentre toccherà sempre al dicastero guidato da Ferruccio Fazio «fare anche una valutazione etica» sulla questione.

I donatori 'samaritani' possono offrire chiaramente «il solo rene, un intervento che tra vivi riguarda, nel nostro Paese, finora solo consanguinei - chiarisce Nanni Costa - o persone con un forte legame affettivo. Se ne contano 120 l'anno solo in Italia».

Se comunque dovesse arrivare il via libera ai 'samaritani' anche nel nostro Paese, «bisognerà valutare con attenzione - puntualizza l'esperto - il benessere psichiatrico e psicologico dei donatori, per poi fare una valutazione motivazionale estremamente attenta», raccomanda.

«Solo in seguito - precisa Nanni Costa - potremmo passare alla valutazione fisica del donatore 'samaritano' e alla procedura per individuare i potenziali pazienti» ai quali impiantare l'organo. Per ora, comunque, «attendiamo le indicazioni del ministero».


Pagina pubblicata il 17 febbraio 2010

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Orari e servizi offerti