Medici a governo, subito esenzione da denuncia


I medici non si arrendono. Tornano a rivendicare il loro ruolo professionale e lanciano un nuovo appello al Governo:

"Chiediamo che venga introdotta, definitivamente e senza equivoci, una precisa norma che esenti i medici e tutti gli operatori sanitari dall'obbligo di denuncia degli immigrati clandestini".
Nel mirino dei camici bianchi dell'Intersindacale, che venerdì a Roma hanno indetto una conferenza stampa per accendere i riflettori sul problema, ci sono le norme del disegno di legge sulla sicurezza (ancora da approvare in Senato) che introducono il reato di clandestinità.

Cosa "che di fatto obbliga i medici, in quanto pubblici ufficiali, alla denuncia degli immigrati irregolari". La mancata denuncia li porrebbe di fronte al rischio di sanzioni penali.

I sindacati medici, "uniti e compatti", tornano quindi alla carica, difendendo il diritto costituzionale a prestare soccorso e cure a tutti i cittadini: "Nessuno escluso e senza distinzioni" di nessun genere.

"Chiediamo di cambiare la legge - afferma senza mezzi termini il segretario nazionale dell'Anaao Assomed, Carlo Lusenti - introducendo una norma specifica che metta al riparo una volta per tutte i medici dal rischio della segnalazione dell'immigrato clandestino".

I camici bianchi non si fermano a questa richiesta, e hanno già pronta un'alternativa qualora il loro appello cada nel vuoto. "Nel caso in cui la legge, magari per motivi strettamente politici, passasse così com'è - aggiunge Lusenti - proponiamo al Governo di mettere a punto un decreto ministeriale o una circolare in cui, nero su bianco, si ribadisca che la legge non prevede l'obbligo di denuncia per i medici e gli operatori sanitari".

Se anche questo invito dovesse essere rispedito al mittente, l'Intersindacale medica annuncia di essere pronta a intraprendere una dura battaglia e a "difendere fino in fondo" tutti quei medici che dovessero essere denunciati per la mancata segnalazione del paziente clandestino. "Daremo tutela legale e soccorso giudiziario fino alla Corte Costituzionale", precisa Lusenti. Che poi fa un appello a tutti i medici.

"Noi camici bianchi, nell'esercizio delle nostre funzioni, dobbiamo avere due riferimenti: il Codice deontologico e la Carta Costituzionale, dove viene specificato che la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività".

Sulla stessa lunghezza d'onda anche il segretario della Cimo-Asmd del Lazio, Giuseppe Lavra, secondo il quale questa norma "calpesta il diritto naturale alle cure". E ancora. "Con questo provvedimento - aggiunge - si sovvertono questioni millenarie quali il diritto del medico a prestare le cure e quello del paziente ad essere curato".

Lapidaria Alessandra Di Tullio, coordinatrice del Fassid: "Ci troviamo di fronte ad una norma iniqua e pericolosa, che può avere effetti disastrosi".All'incontro hanno preso parte tutte le maggiori sigle sindacali della dirigenza medica: Anaao Assomed, Cimo Asmd, Fp Cgil medici, Aaroi, Fvm, Federazione Cisl medici, Fassid, Fesmed, Federazione medici Uil-Fpl.

Pagina pubblicata il 24 maggio 2009

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Orari e servizi offerti