Zucchero, proposta Usa: è una sostanza d'abuso come l'alcol e va tassato


Sulla rivista Nature, da parte di un gruppo di ricercatori dell'University of California a Los Angeles, è uscito un articolo con una proposta estrema: lo zucchero è una sostanza da abuso, come l'alcool e il fumo, e come tale deve essere investita da controlli e limitazioni dello Stato.

L'obesità è direttamente collegata con l'abuso di zuccheri e le malattie a questa legate sono responsabili di 35 milioni di morti all'anno nel mondo.

In grandi quantità aumenta la pressione, altera gli equilibri ormonali e danneggia il fegato, proprio come l'alcool.

Claire Brindis, una ricercatrice, ha detto che non basta spingere per il cambiamento delle abitudini alimentari, ma bisogna fare degli interventi che coinvolgano la comunità, non solo migliorando l'informazione.

Alzare le tasse su prodotti che lo contengono, controllare l'accesso ai cibi ad alto contenuto di zucchero, adottare regole severe sui distributori automatici, non deve essere considerato una forma di proibizionismo, dice Laura Schmidt, un'altra ricercatrice, ma un modo per scoraggiarne l'assunzione, come nei paesi in cui si è introdotta una tassa sui cibi spazzatura.

In Danimarca e in Ungheria sono state introdotte tasse sui grassi saturi, e in Francia sulle bibite dolci, come  i soft drinks, per intenderci, che possono contenere anche modiche quantità di alcool, ma che contengono soprattutto zucchero.

Vale la pena di introdurre misure di questo tipo? Certo, meglio che niente. Chi se le ricorda le campagne contro il fumo nei cinema? "le camere a gas esistono ancora, e si paga per entrare".

Alla fine il divieto vinse, e ora ci sembra normale non fumare al cinema.

Certo se continuiamo ad accettare le pubblicità in cui la brava madre massaia anni 50 mette a tavola al posto dell'acqua una bevanda ad alto tasso di zucchero invece di vietarla come dannosa per la gente non andremo da nessuna parte (ma almeno, sappiamo il numero della gente che non beve acqua a tavola e l'ha sostituita con una bevanda zuccherata ? potremmo capire quanto è grave il problema...).

Allora proviamo a pensare cosa si potrebbe fare, ancora. Incentivare la distribuzione di snack a ridotto contenuto di zuccheri e a lento assorbimento (per intenderci a basso indice glicemico) nei distributori automatici.

Sostenere industrie alimentari che riforniscano bar e pizzerie di prodotti a basso contenuto di carboidrati. Corsi di cucina a carico del servizio sanitario pubblico per i cittadini affetti da diabete.

Premi ai cuochi che inventano menu a basso contenuto di carboidrati e grassi saturi.

Poi ognuno mangi quel che vuole, come già facciamo per alcool e fumo, ma lo Stato la sua parte la deve fare, che sia emettere leggi o lavorare per cambiare la cultura.

Lisa Canitano

Pagina aggiornata il 5 febbraio 2012

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo