Alcol: binge drinking tra giovani e rischio minorenni , ma oltre a parlarne?


8 milioni di italiani hanno un rapporto con gli alcolici che mette a rischio la salute.  Sono poi più di 4 milioni quelli che si dedicano al cosiddetto binge drinking.  A preoccupare sono i dati diffusi nel corso dell'Alcohol Prevention Day dall'Osservatorio Nazionale Alcol CNESPS dell'Istituto Superiore di Sanità.

Il binge drinking  è bere molto e in poco tempo e i dati sono preoccupanti, anche perché il fenomeno è in crescita tra i giovani senza escludere i minori.

Per molti sembra quasi uno stile di vita, socializzare ai concerti o durante un evento sportivo o in discoteca,  passa attraverso un aumentato rischio di consumo alcolico prodotto da quella cultura che porta a bere fino ad arrivare all'intossicazione. Il fenomeno riguarda una popolazione che va dagli 11 a 25 anni.

Stando ai dati dell'Iss sono 1 milione e 300 mila i giovani, ragazze e ragazzi, che bevono  in modo da mettere a rischio la loro salute.  Consumano alcol sporadicamente, o in modo occasionale oppure tutti i giorni, ma sempre in modo da mettersi a rischio.

Questa è in sintesi la notizia, ma facciamo alcune riflessioni.

L'Italia è, insieme alla Norvegia, il Paese  che consuma meno alcol in Europa. Certo, in Europa in generale si consuma troppo alcol, ma non solo in Europa.

L'alcol è una sostanza tossica che estraiamo dalla frutta marcia, e che altera le nostre percezioni nervose, e  che deve venire smaltita dal fegato, che ne subisce sempre e comunque l'effetto aggressivo, tanto è vero che le transaminasi, enzimi che normalmente si trovano dentro le cellule, il giorno dopo aver bevuto alcolici, anche poco, sono alterate.

I giovani bevono, certo, ma anche gli adulti. Bevono le donne, nonostante escano sempre nuovi lavori scientifici che dicono che sono più esposte, perché lo metabolizzano peggio, e perché aumenta il rischio di tumori.

Bevono le donne in stato di gravidanza, tanto da aver scatenato una campagna shock in Veneto, con una foto di un embrione a mollo in un bicchiere di Spritz, intitolata "mamma beve, bimbo beve" che aveva l'obiettivo di ridurre i casi di  neonati di basso peso.

Allora i giovani bevono, certo, ma al di là dell'effetto scandalo della notizia, che ci porta solo a scuotere la testa sulla gioventù di oggi, qualcuno ha voglia di cercare di ridurre davvero il consumo di alcol in questo Paese?

Lisa Canitano

15 aprile 2012

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo