Depressione post partum in tempi di crisi, casi in aumento


La depressione post partum, quel periodo difficile che a volte la neo-mamma attraversa con il suo bambino, potrebbe anche essere scatenata anche dalle preoccupazioni dovute alla crisi economica.

Depressione post partum

Il maternity blues, secondo una recente ricerca dell'Osservatorio nazionale sulla salute della donna (Onda), in Italia interessa una donna su quattro, in pratica un numero che oscilla tra le 55 mila e le 80 mila donne ogni anno.

Va sottolineato che a questo dato andrebbero aggiunte tutte quelle donne, come spesso avviene, che soffrono il problema nella più totale solitudine, senza un sostegno e in un silenzio opprimente.

Tra queste, molte donne immigrate con problemi di integrazione, oltre che economici e culturali.

Una volta si chiamava il "pianto del latte". Oggi ha il nome di una musica lenta, dolce e triste che evoca invece il pianto dell'anima: "blues del dopo parto" o "babyblues".

Così, Donald Winnicott, pediatra e psicoanalista inglese, aveva definito quel leggero stato di depressione, quell'incomprensibile malinconia, che colpisce circa l'80% delle donne verso il quinto giorno dopo il parto, insinuando fra i sentimenti gioiosi di aver generato un bambino, altri, meno nitidi, più confusi e indecifrabili.

E' importante assistere le donne con un aiuto concreto, centri dedicati all'ascolto, operatori competenti e servizi. E con questo scopo Onda ha lanciato l'iniziativa, patrocinata dal ministero della Salute e la presidenza del Consiglio, che prende il nome di "A Smile for Moms", cioè un sorriso per le mamme.

L'importanza sta nella prevenzione che potrebbe risolvere il problema nel 90% dei casi. C'è bisogno di riconoscere il disturbo per trattarlo in maniera adeguata, e anche per questo motivo è stato messo a disposizione un sito www.depressionepostpartum.it, oltre alla distribuzione di materiale informativo presso i centri che si occupano delle patologie legate alla depressione.

Il fenomeno non è da sottovalutare. Secondo l'indagine dell'Onda, l'identikit della donna più colpita è quello di "una donna in gravidanza di circa 34 anni, di buona istruzione, coniugata/convivente, di stato sociale medio" con alle spalle episodi di ansia o di depressione.

Alla mancanza spesso di aiuto, e soprattutto di comprensione, da parte della famiglia, degli amici o del partner, oggi ad aggravare la situazione sono le preoccupazioni economiche ed esistenziali legate al posto di lavoro, al futuro dei propri figli, insomma, la crisi.

Anche i sintomi non sono da minimizzare. La presidente dell'Onda, Francesca Merzagora, spiega che "La gravidanza rappresenta un periodo di profondi cambiamenti fisici e psicologici, spesso sottovalutati. Un ritardo diagnostico di un disturbo dell'umore può, però, avere importanti ripercussioni sulla donna e sul nascituro".

Le mamme devono "dire" e "condividere" le preoccupazioni nel momento in cui le vivono. "Condividere il mestiere di mamma, sollevare la coltre della solitudine consente alla mamma stessa, non più idealizzata, di "odiare a volte il suo bambino, senza mai fargliela pagare", spiegava Winnicott.

Ecco quindi l'importanza di questa iniziativa e di tutte quelle che portano al centro dell'attenzione il problema della depressione post partum.

Per approfondire:

La nascita di un bambino: aspetti psicologici della coppia

Dopo il parto, a casa con il bambino

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo