Giovani più miopi per l'uso di smartphone, tablet e pc


Tra 30 anni avremo una generazione di miopi, visto che 30 anni fa un europeo su 10 era affetto da miopia mentre oggi c'è ne sono più di tre su 10.

Miopia

A lanciare l'allarme è Antonio Scialdone, direttore dell'Ospedale oftalmico Fatebenefratelli, al Congresso Internazionale di Chirurgia della Cataratta e della Refrattiva, in svolgimento a Milano il 18 ed il 19 di questo mese.

Il motivo principale, secondo Scialdone, risiede da una parte nell'eccessivo tempo trascorso dai giovani davanti allo schermo televisivo e, soprattutto negli ultimi anni, dallo sviluppo dell'elettronica che ha portato un numero enorme di giovani ad usare smartphone e tablet, oltre all'uso di personal computer.

I giovani passano troppo tempo con i loro occhi vicinissimi a questi piccoli schermi e ciò provoca un "continuo sforzo di messa a fuoco, un prolungato accomodamento della vista per vedere da vicino", il che equivale a dire che l'occhio a lungo andare finirà per avere difficoltà a vedere da lontano,  per cui è meglio avere televisori con grandi schermi che fanno si che i bambini ne stiano a distanza adeguata.

Un altro problema che influisce sulle capacità visive è legato alla luce blu che viene diffusa da smartphone e tablet e monitor.

Questa luce blu penetra fino alla retina provocando sfocature e riduzione del contrasto.

Mentre per i giovani, che passano ora davanti ad un computer magari giocando ad un videogame, il rischio è quello di essere meno sollecitati a batter le palpebre inducendo una alterazione del film lacrimale, che rappresenta la principale difesa alle infezioni batteriche corneali e congiuntivali, assieme alla palpebra.

Diffondendosi uniformemente sull'epitelio corneale,  la pellicola lacrimale prodotta quando si battono le palpebre funge da barriera protettiva agli agenti batterici esterni.

Scialdone ha concluso ponendo un ulteriore elemento sul tavolo della discussione ed è quello legato alla situazione ambientale, che legato alla predisposizione genetica, ha una importante influenza, nello sviluppo delle miopie.

Infatti due studi, che sono stati pubblicati sulla rivista scientifica "Oftalmology" mettono in evidenza i danni provocati dalla scarsa abitudine dei nostri figli a stare sotto la luce naturale.

Le ricerche hanno dimostrato che i bambini che passano più tempo all'aperto, hanno meno problemi di miopia perché la dopamina, sostanza che svolge un ruolo fondamentale per  trasmettere le immagini al cervello con la luce naturale, sembrerebbe in grado di evitare una eccesiva crescita dell'occhio, fenomeno che porta alla miopia.

IN ARGOMENTO:

Lavorare al videoterminale (computer): disturbi oculo-visivi

L'app iVista, protegge gli occhi dal tablet e avvisa quando è ora di staccare

18 ottobre 2013

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo