Sigaretta elettronica, Veronesi: potrebbe salvare 30 mila persone l'anno


Sigarette elettroniche di nuovo al centro dell'attenzione. Questa volta a portarcele è stato Umberto Veronesi che, intervistato in diretta da RaiNews24, ha spiegato che "La sigaretta elettronica non è cancerogena".

Sigaretta elettronica

Per il noto oncologo, il dispositivo senza nicotina non fa danni alla salute. Non c'è tabacco e non c'è combustione, due elementi che sono alla base del tumore al polmone e dei danni al sistema cardiovascolare.

Veronesi ha chiarito che la e-cig "è una sigaretta libera dal tabacco (tobacco free). Quindi una persona può fumare perché è uguale alle altre, "si accende e fa fumo, che poi e vapore acqueo".

L'uso della sigaretta elettronica, ha ancora spiegato Veronesi, offre al possibilità di avere la stessa gestualità, insomma consente di avere in bocca una sigaretta che non fa venire il cancro.

"Questo è il grande passo in avanti di queste sigarette senza tabacco", ha aggiunto l'oncologo spiegando la necessità di "spingerla" perché se tutti i fumatori la usassero "risparmieremmo non solo 30 mila morti all'anno in Italia per il cancro del polmone, ma anche i 3 miliardi di euro che è il costo per curarli".

La sigaretta elettronica in questi mesi ha passato diverse vicende. L'ultima, in ordine di tempo, è la diversità di opinione espressa tra due Consigli Superiori della Sanità, quello europeo e quello italiano.

Per quello europeo, considerata la loro composizione, devono essere equiparate ad una normale sigaretta che quindi deve essere venduta solo in farmacia.

Quello italiano, invece, sostiene che non è possibile nessuna equiparazione tra le e-cig e i farmaci.

Insomma, è una battaglia che ha lo scopo di acquisire un mercato decisamente in crescita. Attualmente l'Italia conta circa 1.5 milioni di utilizzatori, il fatturato che sviluppano si aggira intorno ai 350 milioni di euro. Un affare anche per lo Stato che ha introdotto una tassa del 58,5% non solo sul prezzo della e-cig, ma anche su i ricambi e i liquidi.

Nel frattempo si cerca di capire se le sigarette elettroniche facciano male o meno.

Anche qui il balletto è senza fine. Ci sono studi che sostengono che pur non respirando prodotti della combustione, si assume comunque nicotina con un possibile danno ai polmoni e al cuore.

Ci sono anche indagini giornalistiche che rivelano il rischio salute per la presenza di metalli pesanti presenti nelle ricariche. Addirittura il procuratore di Torino, Guarinello, ha aperto un'indagine.

In realtà, è legittimo pensare che ancora se ne sappia poco. Ad esempio, la sigaretta elettronica è nata per facilitare i fumatori a smettere di fumare. Ma anche qui, ancora non ci sono studi attendibili che misurino l'efficacia delle e-cig nella disassuefazione dal fumo.

Oggi Umberto Veronesi ha aggiunto un nuovo tassello.

IN ARGOMENTO:

Sigaretta elettronica, vietata per la prima volta nei luoghi pubblici

4 novembre 2013

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo