Il taglio cesareo non riduce il rischio di paralisi cerebrale nel neonato, cade un alibi.


Il taglio cesareo non abbassa il rischio di paralisi cerebrale nel neonato, lo rivela uno studio pubblicato sull'autorevole rivista Obstetrics & Gynecology.

Taglio cesareo

E' quello che si è sempre creduto, e forse è stato in parte l'alibi per praticare quella quantità di tagli cesarei inutili che vengono eseguiti anche nelle nostre strutture sanitarie.

Ma ora a fare chiarezza è la ricerca eseguita dagli scienziati australiani del Gruppo di Ricerca sulla Paralisi Cerebrale dell'Università di Adelaide.

Il taglio cesareo, che sia programmato o eseguito d'urgenza, non riduce l'incidenza della paralisi cerebrale nel neonato.

Lo studio è di tutto rispetto per quanta riguarda il numero di casi, ed è una revisione e meta-analisi delle ricerche eseguite su oltre 3800 casi di paralisi cerebrale e quasi 1,7 milioni di nati sani.

I dati rivelano che tra il tipo di parto, sia naturale che cesareo, e il numero di neonati con paralisi cerebrale non esiste alcun legame.

Il ritenere, finora, che la causa della sofferenza cerebrale fosse riconducibile ad un deficit di ossigeno durante le fasi del parto vaginale, non trova nessuna conferma nella review portata a termine.

I ricercatori ipotizzano, invece, che sia plausibile che le cause della paralisi cerebrale infantile siano da imputare a condizioni infettive o genetiche.

Insomma, il rischio non si riduce. Infatti gli scienziati spiegano che il ricorso al taglio cesareo è aumentato in maniera esponenziale. In Australia, ad esempio, in 40 anni è passato dal 5% al 33%, aumentando di sei volte.

Nonostante l'aumento, spiegano i ricercatori, l'incidenza degli eventi di paralisi cerebrale non si è mai mossa dal 2-2,5 ogni 1000 nascite.

Secondo i dati Istat la percentuale media di tagli cesarei eseguiti in Italia è passata dall'11,2% del 1980 al 30-33% . Ci sono realtà, soprattutto al Sud, dove si arriva addirittura intorno al 50%.

Si tratta di dati preoccupanti che mettono l'Italia al primo posto in Europa per numero di cesarei.

Questa lenta e progressiva trasformazione dell'assistenza alla nascita in una medicalizzazione senza freni ha un costo enorme e pochi vantaggi per il bambino che, al contrario, può subire effetti negativi a lungo termine, oltre al rischio più alto di mortalità materna.

A titolo di cronaca, l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) stabilisce il tetto massimo di tagli cesarei che non deve superare il 10-15%, soglia che in Italia è stata più che raddoppiata.

IN ARGOMENTO:

Parto cesareo, informati prima

Il parto cesareo non protegge i prematuri e i piccoli per età

Un altro cesareo...? No grazie! Il parto naturale dopo un cesareo, VBAC

19 novembre 2013

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo