Anestesisti: Simeu, sciopero grave e incomprensibile


"Uno sciopero grave e incomprensibile". E' il commento di Anna Maria Ferrari, presidente della Società  italiana medicina di emergenza urgenza (Simeu), alla protesta degli anestesisti e rianimatori.

Uno stop proclamato per dire no all'attivazione della Scuola di specializzazione in medicina di emergenza urgenza e che, secondo i dati forniti dal'Aaroi (Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri italiani), sta bloccando l'attività  del 90 per cento delle sale operatorie nazionali.

La condanna della Ferrari non riguarda però solo lo sciopero. La Simeu giudica infatti "altrettanto grave" la campagna di stampa "a pagamento" attuata per sostenere le ragioni della protesta. "La campagna - sottolinea in una nota la Ferrari - contiene affermazioni mendaci e offensive nei riguardi di professionisti che dedicano il 100 per cento della loro attività  al Ssn e al suo miglioramento.

L'attivazione della Scuola risponde infatti alle esigenze di un sistema d'emergenza urgenza moderno. Secondo i dati Istat - aggiunge - negli ospedali italiani vengono effettuate circa 30 milioni di prestazioni di pronto soccorso l'anno e almeno 800 mila sono gli interventi di emergenza territoriale.

Si tratta di patologie diverse, non tutte gravi, ma per molte di esse (sindromi coronariche, politrauma, insufficienze cardio-respiratorie acute) è proprio nella 'prima ora d'oro' che diagnosi e terapie corrette possono decidere il destino del paziente".

Secondo la Simeu, in Italia, questa attività  è svolta da medici che acquisiscono 'sul campo' l'esperienza necessaria, "ma che non hanno potuto fruire di un percorso formativo omogeneo e specifico, per la mancanza della relativa Scuola di specializzazione.

Una scuola che, contrariamente a quanto dichiarato dal sindacato degli anestesisti, è presente in quei Paesi a sanità  avanzata (gran parte della Ue, Usa, Australia, Canada). La Simeu sta impegnando tutte le proprie forze per arrivare all'attivazione della scuola, proprio nell'ottica di fornire la migliore qualità  di cura e - conclude la Ferrari - continuerà  a farlo anche di fronte ai più arretrati corporativismi".

Pagina pubblicata il 11 dicembre 2007

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo