Salute della donna, l'Ospedale G. B. Grassi verso l'eccellenza


La Direttrice Generale dell'ASL Roma D Giusy Gabriele risponde alle nostre domande sulla salute della donna.

Direttore, il rapporto dell'Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali dice che le donne straniere fanno molti più cesarei delle italiane, spesso d'urgenza, perché sono mal seguite, lei è in grado di confermare questo dato, che sembra di rilevanza nazionale?
"Non so nel resto del Paese, ma nell'Ospedale G.B. Grassi nella ASL da me diretta le donne straniere al primo cesareo sono il 7% in meno delle italiane".

Come spiega questo dato in controtendenza, fate pochi cesarei?
"Non proprio, il tasso di cesarei è un poco sotto alla media nazionale ma non di molto (media nazionale 37%, media del Lazio 44% nel 2006, media nostra 33%), anche se il 35% sono cesarei ripetuti, la differenza però sta nella modalità  di assistenza. Abbiamo creato una rete integrata per la gravidanza, che prevede che tutte le gravidanze fisiologiche vengano seguite sul Territorio, Consultori Familiari o Ambulatori, dalle ostetriche e/o dai medici, o in Ospedale, ma limitatamente all'Ambulatorio della gravidanza fisiologica, gestito dalle ostetriche".

E le gravidanze non fisiologiche?
"Quelle vengono accolte direttamente in Ospedale, con una attesa di 24 ore da un equipe di medici specializzati, che mette in atto tutte le misure necessarie a riportarle alla fisiologia. Se il motivo che le aveva portate lì si rivela passeggero vengono rimandate sul Territorio e/o all'ambulatorio delle ostetriche dell'Ospedale, altrimenti l'Ospedale le tiene in carico fino al momento del parto.
Questo ci permette di fornire la giusta dose di medicalizzazione quando serve. Poca assistenza aumenta il numero di cesarei d'urgenza per mancata diagnosi e terapia di patologia che a volte si sarebbe potuta risolvere.
Troppa medicalizzazione aumenta il numero di cesarei perché' trasforma la gravidanza in una malattia.... e alla fine la chirurgia ne diventa la cura.
Siamo credo giustamente orgogliosi di poter dire che il nostro servizio pubblico e' in grado di fornire la giusta assistenza a chi vi si affida.
Se siamo in grado di offrire alle donne straniere la giusta assistenza a maggior ragione lo possiamo fare con le donne italiane che spesso soffrono di un eccessiva medicalizzazione".

Un'ultima domanda, Direttore... Lei e' stata recentemente sui giornali per le macchinette di automisurazione della glicemia, ci dice qualcosa?
"Certo per la gara europea che stiamo espletando per l?acquisto diretto dei kit per l?automisurazione dei valori, garantisco un notevole risparmio in un momento di grande difficoltà  economica della Regione Lazio. Infatti negli anni passati per gli assistiti della sola ASL D il Servizio Sanitario Nazionale spendeva quasi 10 mln di euro, il risparmio presunto si aggira intorno ai 5 mln di euro, tutti soldi che useremo per migliorare l?assistenza e che quindi torneranno in tasca ai cittadini. Anche rispetto ad altre ipotesi di accordi di cui parlano i giornali, mi riferisco a quello con la Federfarma, la nostra proposta è migliorativa.
A qualcuno non fa piacere, evidentemente.. Ma noi continuiamo sulla nostra strada di difesa della sanità  pubblica, grazie".

La Redazione di Vita di Donna

Link in argomento:
La Casa della salute della donna e del bambino - ASL Roma D
Un'altro cesareo...? No grazie!

Pagina pubblicata il 22 dicembre 2007

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo