Sciopero anestesisti, saltano 50mila interventi


Un lunedì nero per la sanità  italiana. Blocco di tutte le sale operatorie degli ospedali della Penisola per l'intera giornata del 10 dicembre. Rinvio obbligato quindi per 50 mila interventi chirurgici programmati, eccetto le emergenze. Incroceranno le braccia gli anestesisti rianimatori dell'Aaroi, ben 12 mila professionisti.

"Chiediamo scusa ai cittadini - dice Vincenzo Carpino, presidente dell'Aaroi - ma vogliamo che si sappia che non scioperiamo per motivi economici o per interessi corporativi, ma per difendere la nostra identità  professionale nel Ssn. Scioperiamo per proteggere la salute dei cittadini che rischiano con un provvedimento, tutto politico dell'allora ministro della Pubblica istruzione Letizia Moratti, di trovarsi davanti un medico 'tuttologo e onnisciente'.

Infatti con l'istituzione della nuova Scuola di specializzazione in medicina di emergenza urgenza, finalizzata alla moltiplicazione di nuove figure professionali, unico caso nell'Unione Europea, si vuol dare vita a un medico che dovrebbe comprendere tutte le competenze adesso giustamente affidate a singoli specialisti".

"In particolare, questa nuova figura si dovrebbe occupare di competenze che gli anestesisti rianimatori svolgono quotidianamente datanti anni. Non avremmo voluto fare lo sciopero - aggiunge Carpino - e provocare disagi ai cittadini. Speravamo in un intervento dei ministri dell'Università  Fabio Mussi e della Salute Livia Turco. Ma alle nostre richieste si è risposto con il silenzio. Speriamo che questo sciopero convinca le Istituzioni a convocare un tavolo di confronto per trovare una soluzione condivisa".

Questa la richiesta della Umsped Aaroi che sciopera con l'adesione anche di Siaarti (Società  italiana di anestesia analgesia rianimazione e terapia intensiva), Siared (Società  Italiana di anestesia rianimazione emergenza e dolore) e Cpoar (Collegio professori ordinari di anestesia e rianimazione). Se le Istituzioni non daranno risposte concrete, "le iniziative di protesta saranno inasprite e proseguiranno a oltranza", assicura l'Aaroi. 

Pagina pubblicata il 10 dicembre 2007

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Orari e servizi offerti