Valutare i professionisti che operano in sanità


Valutare i professionisti che operano in sanità , premiando i più bravi e incentivando tutti a darsi da fare di più. Questa, in sintesi, l'idea lanciata ieri da Ignazio Marino, presidente della commissione Sanità  al Senato, nel corso del convegno "La valutazione della performance in sanità " appena conclusosi All'Istituto superiore di sanità  a Roma.

"Un sistema di valutazione della performance in sanità  - secondo Marino - deve avere tre caratteristiche principali.

Innanzitutto deve stabilire criteri di uniformità  a livello nazionale. In secondo luogo deve avere caratteristiche di continuità  sia per quanto riguarda la tecnologia che sui percorsi terapeutici: in altre parole - spiega - le valutazioni non devono avvenire una sola volta, ma a scadenze regolari e stabilite. Infine, la valutazione deve essere legata a un sistema che premi economicamente e in termini di carriera i professionisti che garantiscono al Servizio sanitario nazionale maggiore produttività  e qualità  nei risultati delle cure".

Quanto alla necessità  di dotarsi di un sistema di questo tipo, Marino fa notare che "le nostre strutture sanitarie hanno una organizzazione talmente complessa e articolata che rende indispensabile una valutazione obiettiva del loro operato. La qualità  dei risultati ottenuti, infatti, oltre che la quantità  delle prestazioni erogate, dovrebbero essere il criterio sul quale si basano le scelte dei direttori generali degli ospedali per migliorare i servizi offerti ai pazienti.

I cittadini, inoltre, sarebbero messi nella condizione di scegliere a quale struttura rivolgersi, valutandone la qualità  sulla base di dati certi e trasparenti. Sarebbe auspicabile - prosegue il presidente della Commissione Sanità  a Palazzo Madama - lo sviluppo di competenze specifiche, un po' sul modello del Nice inglese o della Jcaho statunitense.

L'idea potrebbe essere quella di creare un'Autorità  terza, indipendente, che si occupi del controllo dei requisiti minimi per l'accreditamento delle strutture, a cui vengano demandate anche le funzioni di coordinamento per l'accertamento della qualità  dei servizi, dell'appropriatezza delle prestazioni erogate e, ad esempio, valuti i risultati clinici ottenuti in termini di sopravvivenza dei pazienti, complicanze o ricoveri ripetuti.

Insomma - conclude Marino - più controlli per una maggiore garanzia di trasparenza ed efficienza, ma soprattutto controlli indipendenti". 



Pagina pubblicata il 04 dicembre 2007

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo