Profili sanitari, 600 mila operatori in attesa di regole


Oltre 600 mila operatori sanitari, in attesa di nuove regole di garanzia per il loro lavoro e di un riconoscimento reale della loro attività, vedranno tradite le loro speranze.

Difficile, infatti, in queste ultime fasi del Governo, che in Consiglio dei ministri arrivi il testo per la regolamentazione dei 22 profili sanitari (19 se si escludono ostetriche, infermieri e tecnici di radiologia già 'normati'), delegato all'Esecutivo.

Ne è convinto il senatore Giuseppe Caforio (Italia dei Valori) che in questa battaglia si è particolarmente impegnato, anche per la sua professione di tecnico ortopedico.

Le professioni interessate alla regolamentazione sono diverse - dai tecnici ortopedici ai terapisti della riabilitazione, dai terapisti occupazionali ai podologi e perfusionisti - e tutte attendevano regole per una maggiore tutela della professione, in particolare contro la concorrenza sleale degli 'abusivi', e per dare maggiori garanzie agli utenti.

Caforio ricorda che "l'iter della legge era stato, dopo un intenso lavoro, portato a termine e - spiega - speravamo tutti di arrivare ad una conclusione positiva".

Con la crisi di Governo tutto si è complicato, e ora "sembra non ci siano gli spazi per portare il testo in Consiglio dei ministri per la ratifica", dice Caforio, sottolineando che l'approvazione rientrerebbe nell'ordinaria amministrazione.

"Non vedo però la volontà politica", denuncia. "Affossare una legge che, con grandi sacrifici, era stata portata avanti - aggiunge il senatore - è grave e si fa un grande danno ai professionisti che l'aspettavano.

Anche perché significa riazzerare tutto, è come la tela di Penelope: si buttano all'aria anni di lavoro, visto che così decade la legge delega, che impegnava il Governo alla regolamentazione.

Per Caforio ha vinto il 'partito' di quanti, in questi anni, hanno ostacolato la regolamentazione, in particolare le professioni sanitarie tradizionali.

"Si è puntato su un grande equivoco - conclude - si è avuto paura di nuovi ordini professionali, cancellando così la possibilità di istituirli. Questo perché si identifica l'ordine con la lobby. Ma queste professioni non hanno mai fatto richieste di tariffe o altri privilegi che fanno pensare a interessi lobbistici.

Piuttosto pensano a una regolamentazione nell'interesse dell'utente e per garantire una concorrenza leale e per combattere l'abusivismo, oggi purtroppo presente su larga scala. La nostra battaglia è contro l'abusivismo e per la salute dei cittadini".

Pagina pubblicata il 21 febbraio 2008

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo