Turco a Cernobbio, difendere l'autonomia del Ministero della Sanità


Nel suo intervento di apertura del forum Sanità Futura, a Cernobbio (Como), Livia Turco torna a difendere l'autonomia del ministero della Salute, in vista di un suo possibile accorpamento.

"Che si chiami ministero della Salute o del benessere, è importante però che mantenga il suo ruolo forte e autorevole, fondamentale di fronte a un sistema federalista" ha detto il ministro, ricordando che "è importante che il ministero metta insieme salute e politiche sociali, perché l'integrazione socio-sanitaria è la dimensione del futuro". Il ministro ribadisce quindi l'importanza di avere un punto di riferimento nazionale, nel ministero della Salute per promuovere, monitorare, valutare l'effettiva applicazione dei Livelli essenziali di assistenza.

Per il ministro è infatti importante che il nostro Servizio sanitario nazionale, universalistico, pubblico e solidale, "con tutti i suoi difetti resti un grande patrimonio di cui essere orgogliosi. I cittadini - afferma - devono richiedere diritti, ma anche esercitare doveri". Quanto poi al miglioramento del Ssn "ogni regione deve guardare all'efficienza, che a sua volta genera equità. Non servono infatti solo risorse - ammonisce il ministro - se non si ha capacità di usarle". Turco cita in proposito i piani di rientro dal debito con i quali "abbiamo accompagnato le Regioni, anche con una politica impopolare. In questo caso un ministero della Salute forte e autorevole è stato fondamentale".

E che serva un momento centrale "forte", secondo il ministro, lo si evince anche da un altro aspetto: l'applicazione dei Lea. In passato è risultata ineguale, tanto che oggi Turco sostiene la necessità di un organismo politico e tecnico, da realizzare al ministero della Salute, che valuti il rispetto dei Livelli essenziali di assistenza (Lea) su tutto il territorio nazionale, nonché la qualità dell'applicazione, e attivi poteri sostitutivi nei casi in cui si verificano inadempienze.

"Questa idea l'avevo proposta nel decreto sull'ammodernamento del Ssn. Ora - ha detto il ministro - la consegno a futura memoria". Turco ribadisce, infatti, che oltre ad "emanare i Lea, è poi necessario controllare che sia garantita un'omogeneità dei servizi assistenziali su tutto il territorio italiano.

Applicare i Lea - ha concluso - è compito dello Stato, perciò secondo le leggi vigenti in materia, c'è bisogno, per fare questo, di un ministero che abbia più poteri in modo da realizzare davvero ciò che il Titolo V già prevede". 

Pagina pubblicata il 17 marzo 2008

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo