Arrestato Carlo Marcelletti


Il famoso cardiochirurgo è stato arrestato al termine di una lunga indagine originata da una denuncia presentata dai familiari di un paziente. Concussione, peculato e pedopornografia infantile le accuse.

Denaro in cambio di ricoveri di bimbi malati. C'è anche quest'accusa contro il cardiochirurgo Carlo Marcelletti, arrestato a Palermo. L'intera vicenda nasce nel 2007 da una denuncia contro ignoti per minacce, presentata dal familiare del vincitore di un appalto dell'ospedale Civico di Palermo.

La squadra mobile di Palermo, come spiegano dalla Questura, ha "ripreso e sviluppato esaurientemente alcuni spunti investigativi originati dalla denuncia contro ignoti". Gli inquirenti della Polizia Tributaria, che hanno collaborato con la Polizia, invece, hanno cominciato i loro complessi accertamenti sulla base di una delega esplorativa emessa dalla Questura dopo aver ricevuto un esposto anonimo e si sono concentrati, avvalendosi anche della documentazione acquisita nel corso di una verifica fiscale, "su verosimili irregolarità commesse da imprenditori appaltatori dell'Azienda ospedaliera, nella fase dell'esecuzione dei contratti di fornitura di beni e servizi".

Più in particolare, la concussione contestata, in base agli accertamenti effettuati della Polizia di Stato, consistono in un collaudato meccanismo attraverso il quale Marcelletti si sarebbe fatto consegnare indebitamente dai genitori dei pazienti somme di denaro, sotto forma di donazioni all'Associazione Abc (Associazione per la cura del bambino cardiopatico-Onlus), da lui presieduta e gestita, assicurando a chi corrisponde la 'liberalità' una 'corsia preferenziale' idonea ad assicurare al piccolo paziente e al genitore-accompagnatore un comfort migliore rispetto a quello di un ricovero ordinario.

Questi ultimi accertamenti sono tuttora in corso e sono all'origine dei già citati decreti di perquisizione e sequestro nei confronti di alcuni fornitori dell'ospedale Civico. Gli elementi indiziari che sono alla base dell'ordinanza del GIP di Palermo sono stati acquisiti grazie a una complessa attività di ricerca della prova, basate su intercettazioni prima telefoniche e in seguito anche ambientali, su audizioni di persone informate sui fatti e, infine, su riscontri documentali.

In particolare l'accusa di pedopornografia è stata contentata a Marcelletti dopo il ritrovamento di alcuni MMS con immagini di nudità femminili. Il numero di origine dei messaggi è risultato appartenere a una linea intestata alla madre di una paziente. All'accusa di pedopornografia ha risposto uno dei due legali del primario, Roberto Tricoli: "Non c'è stato alcun rapporto diretto tra il professor Carlo Marcelletti e una minore.

Le immagini ritrovate sul telefono del mio assistito non consentono di risalire all'età del soggetto.Tengo a fare queste precisazioni al fine di evitare l'enfatizzazione di una vicenda che, secondo la contestazione, assume i contorni di detenzione di materiale pedopornografico relativo all'invio sul telefono cellulare di alcuni mms riproducenti parti anatomiche femminili. Ma non si capisce se sono di una minorenne o di una maggiorenne". Il prossimo 8 maggio avrà luogo il primo interrogatorio di garanzia.

Pagina pubblicata il 06 maggio 2008

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Orari e servizi offerti