Smi contro delibere su generici


Medici di famiglia del Lazio sul piede di guerra. Il Sindacato dei medici italiani (Smi) ha infatti proclamato lo stato di agitazione della medicina convenzionata.

Motivo della protesta: le due delibere regionali in materia di prescrizione dei farmaci generici, diventate operative il 7 maggio e legate ad una circolare applicativa che i medici hanno ricevuto, in via preliminare, giovedì 22. Circolare però non condivisa dallo Smi Lazio, perché "stravolge l'ambito della farmacologia clinica e limita le possibilità prescrittive e di cura del cittadino della regione".

Il provvedimento della Giunta laziale prevede l'introduzione di un 'codice di valorizzazione' con il quale il medico giustifica i motivi che lo hanno indotto alla prescrizione di un determinato farmaco 'griffato', anziché del generico corrispondente. Fra le motivazioni, ciascuna corrispondente a una lettera dell'alfabeto: la "documentata intolleranza (B), allergia e/o interazioni (C), inefficacia o non risposta (D) ai farmaci di cui è scaduta la copertura brevettale appartenenti alla stessa categoria omogenea".

E ancora: "particolari esigenze terapeutiche per pazienti a rischio" (E) o "pazienti in prosecuzione di terapia ospedale-territorio" (F). "Se l'obiettivo della Regione - sottolinea all'ADNKRONOS SALUTE Cristina Patrizi dello Smi Lazio - fosse quello di indirizzare verso la prescrizione esclusiva dei farmaci generici, ciò dovrebbe essere ottenuto mediante una chiara scelta politica, concordando una riedizione del prontuario regionale dei farmaci prescrivibili a totale carico del Ssr, e dandone ampia e motivata diffusione ai cittadini.

Per questo motivo, lo Smi tutelerà in tutte le sedi opportune i medici 'inibiti' nelle loro possibilità prescrittive, nonostante l'applicazione di correttezza deontologica e appropriatezza in relazione a scheda tecnica e note Aifa". Il Sindacato dei medici italiani propone quindi altre misure di accorgimento per contenere la spesa sanitaria regionale.

"Bisogna eliminare - conclude lo Smi - tutte le esternalizzazioni di attività a società private, soggetti terzi o cooperative rivalutando l'impatto economico della gestione amministrativa di tutte le aziende e della regione stessa".

Pagina pubblicata il 28 maggio 2008

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Orari e servizi offerti