Spesa farmaceutica, il Lazio fa demagogia


La Regione Lazio va nella direzione sbagliata, con provvedimenti che risulteranno inefficaci per la riduzione della spesa sanitaria e dannosi per il lavoro dei medici.

La 'bacchettata' arriva dal Sindacato dei medici italiani (Smi), che in una nota interviene a sostegno dei medici di famiglia laziali, in stato di agitazione contro le delibere approvate dalla Regione sull'appropriatezza prescrittiva e sui farmaci a brevetto scaduto.

"Abbiamo bisogno di investire di più in sanità - spiega Maria Paola Volponi, responsabile nazionale Smi per la medicina generale - in modo da stare in linea con l'Europa e spendere meglio. Invece, tra gli amministratori regionali si è ormai affermata la convinzione che bisogna solo tagliare.

In Italia, è bene ricordarlo, il rapporto tra la spesa sanitaria e il Pil è dell'8%, mentre negli altri Paesi europei si attesta mediamente sul 10%. La nostra spesa farmaceutica è pressocché sotto controllo e incide molto poco, considerando che il nostro è un Paese con una popolazione sempre più anziana e quindi con tante cronicità.

Per raschiare il fondo del barile, non si può mettere a rischio l'appropriatezza delle cure e la salute dei cittadini. Questa è pura miopia. E le conseguenze sono iniziative come quelle del Lazio, dove i 'contabili' della Regione di fatto invadono territori che non sono di loro competenza, cioè le scelte prescrittive dei medici sui farmaci.

Oltretutto sotto la minaccia di duri controlli e pesanti sanzioni. Invece di scaricare il peso di queste scelte sui medici - prosegue - sarebbe stato più giusto affrontare il problema alla radice.

Come hanno ampiamente spiegato i dirigenti regionali del sindacato, se la classe politica volesse davvero aggredire la spesa farmaceutica, sarebbe sufficiente la sorveglianza in merito alla corretta applicazione delle note Aifa sia a livello territoriale sia a livello ospedaliero".

Pagina pubblicata il 29 maggio 2008

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Orari e servizi offerti