ACOI, rivedere sistema DRG


Rivedere sistematicamente il sistema dei Drg "per disinnescare questa tragica connessione tra prestazione 'complicata' e maggior compenso", emersa dalla "drammatica e sconcertante" vicenda della clinica Santa Rita di Milano.

A sottolineare questa esigenza è l'Associazione dei chirurghi ospedalieri italiani (Acoi), considerando in una nota con estrema attenzione le ripercussioni del caso milanese, "che feriscono non solo i malati e le loro famiglie, ma anche quel prevalente mondo di medici e chirurghi onesti che esplicano quotidianamente la propria professione con competenza e impegno".

I chirurghi ospedalieri si dicono profondamente turbati e preoccupati da quanto accaduto, "perché è venuto meno uno dei capisaldi della consuetudine professionale: il rispetto totale della persona malata che ricorre alle cure". I chirurghi ospedalieri sono "parte attiva e fondamentale di quel sistema complesso che è il Servizio sanitario nazionale, oggi improntato a criteri gestionali di tipo aziendale.

La Regione Lombardia vanta certamente un Piano sociosanitario di assoluta eccellenza in grado di offrire un servizio efficiente, economicamente sostenibile e, soprattutto, vicino alle esigenze dei cittadini - proseguono Rodolfo Vincenti, presidente Associazione dei chirurghi ospedalieri italiani e Mauro Longoni vicepresidente e coordinatore della Regione Lombardia - Alla realizzazione di tale progetto, conciliando diritto alle cure e costi, sono chiamati anche i dirigenti medici, pubblici e privati, con le proprie competenze scientifiche e di eticità professionale.

Questo equilibrio non può essere stravolto da comportamenti spregiudicati che privilegino il business rispetto alla salute dei malati". Pena l'aumento della diffidenza dei cittadini verso le strutture ospedaliere del nostro Paese, "peraltro capaci di offrire prestazioni sanitarie di altissimo livello.
Simili crepe di sistema non possono essere tollerate", dicono i chirurghi. Quanto successo ha però anche "evidenziato la capacità del sistema di identificare e fermare comportamenti scorretti. La Regione Lombardia è infatti anche parte virtuosa nella vigilanza e nei controlli, e noi auspichiamo che quanto è avvenuto - conclude l'Acoi - sia un caso abnorme ed isolato.

Ma vogliamo sperare che vigilanza e controlli siano ancora più minuziosi e presenti diffusamente su tutto il territorio nazionale". L'Associazione dei chirurghi ospedalieri italiani crede nella rilevanza sociale della professione chirurgica e nella necessità di recuperarne per intero la dignità.

Da quanto emerso in questi giorni, poi, la Società scientifica che conta più di 5.000 chirurghi ospedalieri associati, si impegna nella definizioni di 'Linee guida di trattamento' "che pur non potendo, e non dovendo, essere considerate rigide indicazioni, offrano orientamenti nei quali il medico possa agire secondo etica e scienza sulla specificità di ogni singolo malato.

Solo così si potrà parlare di 'appropriatezza della prestazione' - scrivono i chirurghi - intesa come la sintesi di validità tecnico-scientifica, accettabilità e pertinenza delle prestazioni sanitarie.

Infine è nostro convincimento che sia giusto portare all'attenzione della pubblica opinione la necessità di rivedere sistematicamente il sistema dei Drg, non solo per un suo allineamento economico ai più recenti progressi della medicina e alle nuove acquisizioni tecnologiche della chirurgia. Ma soprattutto per disinnescare questa tragica connessione tra prestazione 'complicata' e maggior compenso.

E' giunto il momento - concludono i chirurghi Acoi - di elaborare un diverso sistema che, pur continuando a controllare i costi eliminando gli sprechi, possa basarsi sui risultati ottenuti e non solo sulle risorse economiche utilizzate".

Pagina pubblicata il 16 giugno 2008

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Orari e servizi offerti