La legge 194: noi non obiettiamo agli obiettori


Intervista all?on. Eugenia Roccella, sottosegretario del Ministero del Lavoro, Salute e Politiche sociali. di Monica Soldano Sottosegretario Eugenia Roccella, lei in queste ultime settimane ha partecipato ad alcuni convegni pubblici, ricordo quello a Roma della Società Italiana dei Ginecologi ed Ostetrici (SIGO) il 9 giugno scorso o, a Fiuggi, la prima Conferenza Nazionale della Professione Medica ?I medici per una buona sanità?, promosso dalla Federazione Nazionale degli ordini dei medici, il 14 giugno scorso. In entrambi, il suo intervento è stato incentrato sul proverbiale ?tagliando? da fare alla legge 194, espressione ricorrente dall?inizio di questa Legislatura, cosa intende? Innanzitutto, è chiaro che l? aborto non può essere identificato con la legge 194. Non è la legge che lo ha inventato. Di certo, il nostro obiettivo ideale è portare l?aborto in prossimità dello zero, e per fare questo dobbiamo concentrarci sulle strategie di prevenzione. Quindi ?il tagliando? non sono della modifiche alla legge 194? No, non è questo. Ma una rilettura della legge, una valutazione della sua efficacia ed il tentativo di ragionare per attuare quelle parti, come la prevenzione, su cui si è fatto poco.L?Italia, rispetto ad altri Paesi europei come si colloca, in relazione all? interruzione volontaria di gravidanza? Il caso italiano è un? anomalia. Vi è un alto tasso di delega ai maschi nella contraccezione, ma questi usano poco i profilattici, quindi possiamo dire che i metodi più utilizzati sono poco corretti. Eppure, in altri Paesi, penso alla Francia, in cui c?è tutto al meglio: l?informazione, la contraccezione, la comunicazione, l?aborto è ancora un problema ed alla fine in Italia si abortisce di meno. Come mai? Probabilmente una cultura italiana, di fondo meno permissiva, dove alcuni valori tengono di più, dove c? è più famiglia, ma la cosa andrebbe studiata ed approfondita meglio. Cosa vuol dire fare prevenzione, quali strategie? Innanzitutto dobbiamo parlare di più di maternità e sostenerla. In secondo luogo, è bene che nell?aborto intervengano tutti, almeno quelli motivati a prendersi cura delle donne in questa fase della loro scelta. Molti medici sono frenati dalla certificazione, che per gli obiettori è un problema etico. A questo punto andrebbero separati i percorsi, utilizzando anche il personale obiettore, prima e dopo l?aborto, senza obbligare nessuno, ma come proposta.. Alla donna andrà offerto tutto: il colloquio e la certificazione, dunque un? opzione in più. A Modena e a Forli, in particolare, questo protocollo sta già dando i suoi frutti. Gli aborti diminuiscono. Infatti, l?assessore della Sanità della Regione Emilia Romagna si è già impegnato a portare questo modello in tutta la regione, pur nel rispetto dei ruoli e della libertà di ciascuno. Questo coinvolgimento degli obiettori potrebbe essere una ricchezza ed aiutare a superare steccati ideologici. Come si fa quando il servizio della IVG, il servizio sanitario pubblico, rischia di essere interrotto per mancanza di operatori, perché magari il numero degli obiettori di coscienza supera il 50 per cento (pensiamo ai dati del Ministero della Salute del 2007, che evidenziano percentuali dell? 80 per cento in Basilicata o in Lombardia?). In questi casi, non si potrebbe valutare politicamente l?opportunità di attribuire facoltà ai direttori generali di trasferire gli obiettori ad altri servizi e magari di sostituirli? Io non vedo una correlazione diretta tra il tasso degli obiettori e la funzionalità della legge. Basta dire che in Emilia Romagna ci sono più obiettori che in Lombardia. A volte l?obiezione degli infermieri o di altre figure è più disfunzionale di quello dei medici, per l?applicazione della legge. Tutto questo va affrontato con le Regioni e studiato con tutti i soggetti interessati. A questo punto, è importante elaborare delle linee guida sulla legge 194. Occorre una interpretazione più omogenea, nelle parti più labili del testo, che confermi il diritto all?obiezione di coscienza, ma anche l?applicazione della legge 194.Vita di Donna Community



Pagina pubblicata il 18 giugno 2008

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo