Abrogare la norma cancella riposi


La FNOMCeO ha scritto una lettera al Ministro Sacconi per chiedere l'abrogazione del comma del decreto 112 che modifica i limiti settimanali e cancella il diritto al riposo.

I tempi di lavoro e di riposo per i medici sono strettamente legati alla sicurezza delle cure ai pazienti. Sono da cancellare, dunque, le nuove indicazioni contenute nella 'manovra d'estate' che modificano l'orario di lavoro anche per i camici bianchi del servizio pubblico, con l'eliminazione degli attuali limiti settimanali e il diritto al riposo.

A chiederlo al ministro del Lavoro, Salute e Politiche Sociali, Maurizio Sacconi, è Amedeo Bianco, presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici (Fnomceo) in una lettera in cui si sottolinea che abrogare il comma in questione del decreto 112, durante la prosecuzione dell'esame al Senato, "sarebbe un segnale politico fortissimo di attenzione e comprensione delle nostre preoccupazioni".

Anche perché questa norma "è vissuta da tutti i medici - continua il presidente dei camici bianchi italiani - come una violenza, ingenerosa e ingiusta, nei principi prima ancora che nei fatti, determinando un profondo vulnus di affidabilità nelle istituzioni che testimonierebbero, al di là delle intenzioni, il loro disinteresse a perseguire nei fatti organizzazioni del lavoro sicure e di qualità".

In ogni caso, aggiunge il presidente Bianco, "i medici, come tutti gli altri professionisti della sanità, faranno comunque il loro dovere coprendo, quando necessario, con il proprio tempo di vita un irrazionale tempo di lavoro. Il loro senso di responsabilità merita dunque più fiducia e il loro impegno fisico e psichico più rispetto".

Nella lettera il presidente dei medici italiani, inoltre, si è detto convinto che Sacconi voglia "dare concreto seguito alle dichiarazioni formulate a Fiuggi" alla prima conferenza nazionale dei camici bianchi, poi ripetute alla Camera, per "un intervento normativo a consolidamento della professione medica".

Bianco ha sottolineato le difficoltà della classe medica anche ricordando le difficili sfide che si preparano per la sanità - invecchiamento della popolazione, nuove tecnologie diagnostiche e terapeutiche sofisticate e costose che aumenteranno le spese, crescita della domanda di salute e benessere - e che devono essere conciliate con la sostenibilità e l'equità del sistema. Una minaccia per il Ssn è anche "la questione non compiutamente risolta dei rapporti tra politica e gestione", si legge nella lettera.

"Nella morsa di questa tenaglia - afferma - è stretta la stragrande maggioranza della nostra professione fatta di operatori anonimi ma capaci e laboriosi che reggono il sistema nel suo complesso, talora illuminati da qualche benevolo bagliore di luce riflessa delle eccellenze, più spesso offesi dagli schizzi di fango di quanti sviliscono il loro esercizio professionale ad una mera pratica mercantile talora corrotta e corruttrice".

Per questo Bianco chiede a Sacconi di "guardare a questi capaci e laboriosi che già oggi, ma ancor di più domani, sono chiamati al compito straordinario di garantire, sotto il profilo tecnico professionale, civile e deontologico, fondamentali diritti del cittadino e della persona".

Garanzie di attenzione sono state offerte in molte occasioni pubbliche, ammette il presidente della Fnomceo, "ma abbiamo bisogno di segnali chiari di comprensione e prossimità del Governo ai nostri problemi".

Pagina pubblicata il 22 luglio 2008

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Orari e servizi offerti