"Crimini bianchi": una fiction sbagliata


Dure critiche dell'Associazione dei medici accusati ingiustamente di malpractice (Amami) alla fiction 'Crimini bianchi' di Mediaset. Una serie Tv, rileva l'associazione in una nota, "in cui i medici sono visti come criminali da punire, nemici da 'incastrare', come recita il testo dello stesso trailer, che già la dice lunga sul taglio della serie.

Una serie non solo non imparziale, come potrebbe esserlo una che vede anche gli aspetti positivi, i medici corretti e la medicina che funziona, ma un serial che sembra voglia appassionare la gente contro i medici e la sanità, un po' come nei film western anni 40-50 made in Usa contro i pellerossa o, peggio, come nei gangster movie contro i cattivi criminali", accusa Amami.

Insomma, rileva il presidente dell'associazione Maurizio Maggiorotti, "già travolti sempre più da cause in sede penale e civile, proprio quando si era alla ricerca di ricucire un rapporto di fiducia medico-paziente, distrutto da inaccettabili episodi di malasanità raramente dipendenti da colpe dei nostri specialisti, ora ci troviamo a doverci difendere anche dalle fiction".

Un attacco, rileva, che avviene "a fronte delle intenzioni dichiarate dal Governo di ridurre la piaga di centinaia di migliaia di casi di contenzioso annuo inutile (il 75-80% delle vertenze si conclude con l'assoluzione o viene archiviato) e dannoso per le casse dello Stato, nonché per la salute dei medici innocenti e delle loro famiglie". Maggiorotti richiama l'attenzione sul potere della televisione.

"Il pubblico italiano - dice - sarà ulteriormente condizionato da questo serial che getterà fango sull'intera categoria, e causerà senz'altro un'impennata di cause contro i medici". Da qui la proposta: "gli organismi che ci tutelano e i sindacati chiedano al Garante per le Telecomunicazioni se non al Parlamento o al Governo o, perché no, alla magistratura, di fermarne la messa in onda. Non parliamo - continua Maggiorotti - di diritto di cronaca, che tra l'altro va fatto con imparzialità anche per le assoluzioni e i fatti positivi, ma di fermare perlomeno i tentativi di diffamazione".

Anche di questo, assicura Amami, si parlerà durante il IV congresso nazionale dell'associazione dal titolo 'Medico e paziente: punto di svolta', previsto a Roma, dal 26 al 27 settembre.



Pagina pubblicata il 22 settembre 2008

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo